Allerta meteo, chiude la trazzera “Prestanfuso”

Redazione

Cronaca

Allerta meteo, chiude la trazzera “Prestanfuso”
Il sindaco Giannopolo ha emanato una ordinanza: bypass chiuso per l'intera giornata di domani

Allerta meteo, chiude la trazzera “Prestanfuso”

18 Gennaio 2016 - 00:00

Una misura adottata in via precauzionale dal sindaco di Caltavuturo Domenico Giannopolo che, in previsione delle forti piogge previste per domani, ha deciso di chiudere l'ormai famosa trazzera Prestanfuso, quella cofinanziata dal movimento 5 stelle. 

“In presenza della conferma nella giornata di domani delle previsioni che parlano di forte temporale per tutto il giorno del 9 settembre nella zona di Caltavuturo, provvederemo ad emettere ordinanza sindacale di chiusura totale al transito nelle 24 ore del 9 settembre della strada trazzera Prestanfuso. Raccomandiamo sin d'ora massima prudenza nel transito della trazzera con autoveicoli anche nella giornata dell'8 settembre che sarà caratterizzata da piogge e schiarite . Sarà anche l'occasione per testare la tenuta della strada di fronte ad un evento meteorologico estremo.”

Aveva scritto in mattinata su facebook il primo cittadino, per poi precisare che il tratto di strada di nuova realizzazione rimarrà chiuso dalle 7 del mattino di domani fino alle 7 del mattino di giovedì.

Inevitabili giungono le polemiche: al solo annuncio delle prime intense piogge si chiude il by-pass tanto pubblicizzato dai “grillini” come soluzione alternativa alla viabilità secondaria. E' sta proprio qui l'errore. Ferma restando la meritoria azione dei deputati pentastellati, che hanno seguito la strada tracciata da due ditte locali, la Li Destri e la Guggino, va precisato quanto lo stesso sindaco di Caltavuturo afferma: “la trazzera – afferma Giannopolo – è bene non dimenticarlo mai, si configura come soluzione di emergenza”. Nella foga dell'impatto mediatico ottenuto dal bel gesto messo in atto dal gruppo parlamentare del M5S, in molti fra deputati e attivisti si sono spinti troppo in la, parlando con eccessivo entusiasmo di soluzione alternativa per la viabilità siciliana, non rendendosi forse conto di come e perchè è nata, o meglio è stata ritracciata, quella trazzera: una via si sfogo, l'esasperato gesto di un gruppo di volenterosi cittadini che hanno voluto a tutti i costi riconnettere con il mondo la comunità di Caltavuturo. 

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it