Blufi, dimissioni in massa in consiglio comunale

Redazione

Politica

Blufi, dimissioni in massa in consiglio comunale
Sciolto l'organo consiliare che verrà sostituito da un commissario

Blufi, dimissioni in massa in consiglio comunale

18 Gennaio 2016 - 00:00

Si sono dimessi sei consiglieri comunali di maggioranza del Comune di Blufi. Il Presidente del Consiglio Mario Messineo e i Consiglieri Abate Domenico, Vaccarella Vincenzo, Di Gangi Silvio, Di Prima Giacomo e Supporta Maria hanno rinunciato al loro mandato determinando di fatto il commissariamento dell’organo consiliare.  

Rimarrà in carica invece la giunta guidata dal sindaco Calogero Brucato che potrà portare a termine il mandato.

Alla decisione dei 6 consiglieri ha fatto seguito una nota ufficiale nella quale gli ex consiglieri spiegano le regione delle dimissioni

“Gli avvenimenti politici e amministrativi di questi ultimi mesi hanno evidenziato quanto profondo sia lo stato di malessere e di inattività pregiudizievole per la comunità, all’interno del Consiglio comunale di Blufi che ha portato a uno stato di quasi scontro istituzionale. Nell’ultima seduta di Consiglio comunale non è stato approvato il rendiconto relativo all’esercizio finanziario 2014 con grave danno per l’amministrazione dell’Ente. Chi ne soffre di tutto ciò è la comunità di Blufi, quella che tutti diciamo di amare. A tutto ciò non si è posta una nuova metodologia di lavoro, con la stesura di un crono-programma condiviso, ma la vecchia pretesa di ‘presenze’ all’interno degli organi amministrativi. Se mettessimo da parte l’orgoglio personale e politico, l’egoismo personale e politico, la rivalsa personale e politica e ci si ricordasse dei doveri istituzionali del mandato ricevuto dai cittadini di una piccola comunità, con tante esigenze e problematiche da risolvere, e se il senso civico prevalesse su tutto, allora potremmo con consapevolezza affermare che a tutto si antepone l’interesse dei cittadini. I consiglieri di maggioranza sono giunti, pertanto, alla decisione delle dimissioni nella convinzione che, in questo particolare clima, un Consiglio comunale imbrigliato dalla inattività e da un’assenza di dialogo produttivo per il superiore interesse della comunità locale, non può fare altro che continuare ad arrecare ulteriore danno all’amministrazione della cosa pubblica.”

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it