Castellammare sceglie la sua pasta “doc”, sfida tra chef locali

Annalisa Ferrante

Regione

Castellammare sceglie la sua pasta “doc”, sfida tra chef locali
Due giorni a disposizione per creare la "pasta alla castellammarese", il primo piatto che dovrà contenere tutte le peculiarità del territorio

Castellammare sceglie la sua pasta “doc”, sfida tra chef locali

18 Gennaio 2016 - 00:00

Un reality girato nel Golfo “a braccetto col pescatore e lo chef, per seguire dall’alba al tramonto un viaggio che si ripete dalla notte dei tempi”. Dal mare al piatto, passando per lo chef: si chiama “Pescato, cotto e gustato”, l’originale iniziativa ideata nell’ambito dell’evento “Castellammare – emporio di gusto e bellezza’’, per brevettare la prima pasta “alla castellammarese”. Coinvolti molti ristoranti di Castellammare che già da giorni sono al lavoro per la preparazione del primo che dovrà caratterizzare le peculiarità gastronomiche del paese, ovviamente legate soprattutto al pesce. Gli ingredienti utilizzati dai ristoratori, infatti, devono essere strettamente legati al territorio, e per quelli a base di pesce è preferito il pescato a miglio zero. L’evento, che prevede la preparazione dal vivo dei piatti, si svolgerà domani e mercoledì a Cala Marina. La rassegna gastronomica è curata dallo chef  Peppe Agliano,  dell’ “Accademia italiana gastronomia storica”, in collaborazione con il Comune. Gli spettacoli di cucina dal vivo e la gara tra i ristoranti di Castellammare per brevettare la prima ricetta ufficiale di pasta alla castellammarese, si terranno nei pressi del castello, alla cala marina. Degustazioni e musica saranno a scopo benefico: l'intero ricavato, infatti, sarà devoluto a favore dell'associazione “Amici della Salute”. Le ricette saranno selezionate da una giuria tecnica dell' “Accademia italiana di gastronomia storica”, che valuterà i piatti e le ricette presentate. Dieci di queste saranno scelte per la finale nella quale gli chef si contenderanno il primo posto, con la dimostrazione live della preparazione davanti alla giuria giornalistica. Gli stessi chef offriranno un assaggio del proprio piatto al pubblico intervenuto,. Le ricette vengono vagliate anche da una giuria web, sulla pagina facebook del concorso e sul sito che ospita l’evento. Al vincitore del concorso sul web sarà assegnato un altro “primo premio”. 

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it