Castellammare, si rimane in regime Tarsu. CambiaMENTI:”Va bene, ma è sempre una sconfitta”

Annalisa Ferrante

Regione

Castellammare, si rimane in regime Tarsu. CambiaMENTI:”Va bene, ma è sempre una sconfitta”
Una nota dei consiglieri Stefano Cruciata e Vitalba Labita sull´aumento dei tributi ai loro concittadini

Castellammare, si rimane in regime Tarsu. CambiaMENTI:”Va bene, ma è sempre una sconfitta”

18 Gennaio 2016 - 00:00

Il gruppo consiliare “Cambiamenti” esprime soddisfazione riguardo la decisione “del Sindaco Nicolò Coppola e dell’amministrazione comunale di rimanere in regime Tarsu, dimostrando così che la necessità di un confronto serio e costruttivo su una tematica così importante e delicata, va ben oltre qualsiasi presa di posizione o atto di forza che una compagine politica possa esprimere”. Nella nota a firma dei due consiglieri di minoranza Stefano Cruciata e Vitalba Labita, il gruppo fa presente che “CambiaMENTI dal canto suo, ha sempre partecipato, laddove invitato dalla maggioranza consiliare, agli svariati tavoli tematici di confronto sull’argomento, che in questi mesi si sono susseguiti, cercando di contribuire, con non poco dispendio di risorse umane e professionali che dall’associazione CambiaMENTI si sono mosse, al miglioramento di un percorso che sembrava non avere alternativa. Ebbene l’alternativa infine si è presentata e l’acceso seppur corretto dibattito in Consiglio Comunale e le istanze accorate dei gruppi d’opposizione, hanno fatto si che l’amministrazione optasse non per la soluzione a tutti i mali, bensì per il male minore –si legge ancora nella nota- . La popolazione castellammarese comunque esce da questa situazione sconfitta, vedendosi aumentare il tributo sui rifiuti, al termine di un anno, il 2013, che già ha ampiamente dimostrato quanto la crisi economica e finanziaria sia profonda e grave; questo, piuttosto che fare gridare vittoria con comunicati stampa che, più di ogni altra cosa, sanno di propaganda autoreferenziale, dovrebbe far riflettere non solo chi è chiamato ad amministrare, bensì la popolazione tutta, a cambiare mentalità ed a guardare alla cosa pubblica come una risorsa, innescando meccanismi di partecipazione democratica e di legalità”. La posizione di Cambiamenti arriva dopo quella del Pdl, anch’esso soddisfatto del gesto del sindaco Coppola che, in sostanza, in termini esclusivamente politici (poichè la proposta di rimane in regime tarsu era della minoranza, ma lo stesso avevano chiesto le associazioni di commercianti) è stato apprezzato dall’opposizione. Nessun segnale, invece, è arrivato dalla maggioranza. 

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it