Contrassegno dell´assicurazione addio, sarà tutto su internet

Redazione

Italia

Contrassegno dell´assicurazione addio, sarà tutto su internet
Nel giro di due anni niente più tagliando. Il nuovo sistema prevede controlli anche con le tecnologie di vigilanza del traffico

Contrassegno dell´assicurazione addio, sarà tutto su internet

18 Gennaio 2016 - 00:00

Tagliando (o contrassegno) dell’assicurazione addio. Tra non molto, infatti, il nostro “fogliettino” di carta giallo sempre attaccato al parabrezza, andrà in pensione. Lo ha stabilito il decreto ministeriale 110 del 9 agosto scorso. Il processo di de materializzazione comincerà il prossimo 18 ottobre. In pratica non riceveremo più il tagliando da esporre,  ma solo un contratto. Tutto il resto sarà digitalizzato, per rendere quasi impossibile la falsificazione dei documenti. In caso di controllo, dunque, gli agenti che hanno fermato il nostro veicolo, non dovranno più guardare il contrassegno sul parabrezza, ma semplicemente collegarsi in rete ad una banca dati per verificare la regolarità della nostra assicurazione. Il processo di “sparizione” del tagliando, durerà circa due anni. Ci vorranno 30 giorni per rendere operativo il database, 60 per integrarlo con i dati dell’Ania, mentre saranno necessari 18 mesi per renderlo collegabile con i sistemi di controllo delle Forze dell’Ordine. E non è tutto. Perché il sistema sarà collegato anche con tutte le tecnologie di vigilanza del traffico, come telecamere delle zone a traffico limitato, Tutor e autovelox: grazie alle loro immagini, si potranno quindi effettuare controlli in tempo reale dei veicoli, scoprendo eventuali mezzi non in regola con il pagamento della RC Auto. Si preannunciano tempi duri, quindi, per tutti i “furbetti” dell'assicurazione, un problema che riguarda (secondo l'ultima stima ANIA) oltre tre milioni di veicoli, pari a circa il 7% di tutti quelli circolanti nel nostro paese.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it