Controlli a Mondello, polizia minacciata con bottiglie di vetro

Redazione

Palermo

Controlli a Mondello, polizia minacciata con bottiglie di vetro
Operazione interforze contro gli ambulanti. Due arrestati per violenza e minacce, un terzo, protetto dalla folla, è riuscito a scappare

Controlli a Mondello, polizia minacciata con bottiglie di vetro

18 Gennaio 2016 - 00:00

Ennesima operazione congiunta compiuta ieri mattina dalle Forze di Polizia impegnate nel piano di controllo integrato del territorio. La zona interessata è stata, stavolta, quella particolarmente frequentata della borgata marinara di Mondello ed in particolare del suo lungomare. L’operazione ha visto impegnato personale della Polizia di Stato del Commissariato Mondello, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Municipale della Polizia Provinciale e della Capitaneria di Porto. Le Forze di Polizia hanno focalizzato la loro attenzione sui numerosi ambulanti che, senza alcuna autorizzazione e con un voluminoso corredo di attrezzature frigorifere, si improvvisano esercenti “al minuto” di bibite ed alimenti ed occupano larghe porzioni di battigia, sottraendole ai bagnanti.

Nel corso di uno di questi controlli, operato dalla Polizia di Stato e da personale della Capitaneria di Porto, sono stati tratti in arresto dalla Polizia di Stato due venditori ambulanti, Giovanna Caviglia di 43 anni e Vittorio Spera di 31 anni. I due ambulanti, improvvisatisi come altri in zona, venditori di bibite ed alimenti freschi, si sono mostrati, sin da subito, insofferenti al controllo. Entrambi hanno violentemente reagito, opponendosi anche al tentativo degli agenti di riportarli alla calma. I due ambulanti hanno anzi infranto appositamente alcune bottiglie di vetro precedentemente poste in vendita e le hanno brandite minacciosamente contro il personale di polizia, rendendole delle armi improprie. Presagendo la contravvenzione ed il sequestro della merce esposta alla vendita, i due sono passati alle vie di fatto aggredendo i poliziotti e venendo quindi arrestati per i reati di violenza, resistenza, lesioni, minacce ed ingiurie a Pubblico Ufficiale.

Altro spiacevole episodio quello accaduto a distanza di qualche minuto su un tratto del lungomare di Valdesi. Nel corso di un controllo che avrebbe portato alla contestazione nei confronti del solito ambulante presente su spiaggia di una violazione legata all’esercizio della sua abusiva attività su pubblico demanio marittimo, al personale di Polizia veniva fatto ostruzionismo da una quarantina circa di persone, molte delle quali giunte dal tratto di spiaggia dove stavano balneando. Tale cospicua presenza di individui consentiva all’ambulante di riversare velocemente bibite ed alimenti in due grossi contenitori e di riuscire a fuggire protetto dalla folla. Ad esito dei controlli, complessivamente, sono state elevate da personale della Guardia di Finanza, 5 contravvenzioni da euro 1.050 cadauna, per omessa installazione di misuratore fiscale, ed una contravvenzione di euro 516 per mancata emissione di scontrino fiscale. Sequestri di materiale in vendita ed attrezzature sono stati operati congiuntamente da personale della Capitaneria di Porto e Polizia Municipale, elevate 7 contravvenzioni da 309 euro, cadauna, per esposizione e vendita su area pubblica nonchè vendita itinerante di bibite senza la prescritta autorizzazione. Sono stati controllati da Polizia Municipale e Carabinieri 15 mezzi ed a 7 conducenti elevate sette contravvenzioni perché sprovvisti di assicurazione e per sosta sul marciapiede. Sanzionati ai sensi del Codice della Strada anche tre parcheggiatori abusivi.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it