Costruzioni abusive, Confartigianato Palermo: “Denunciateli a noi”

Redazione

Palermo

Costruzioni abusive, Confartigianato Palermo: “Denunciateli a noi”
Il presidente della sezione palermitana Nunzio Reina lancia l´allarme abusivismo: "Ci sono troppe costruzioni abusive. Ma ci sono anche aziende pronte a realizzarle. Fatecelo sapere"

Costruzioni abusive, Confartigianato Palermo: “Denunciateli a noi”

18 Gennaio 2016 - 00:00

“L'elevatissimo numero di costruzioni abusive rilevato nella provincia di Palermo, fa inevitabilmente emergere un altro fattore molto preoccupante, quello degli abusivi che eseguono questo tipo di lavori”. A dichiararlo, in merito ai dati sull'abusivismo edilizio di questi giorni, è il presidente di Confartigianato Palermo, Nunzio Reina, che aggiunge: “Chi deve realizzarli non è di sicuro in regola, proprio per non lasciare alcuna traccia. Di conseguenza, si innesca un meccanismo all'insegna dell'illegalità, perché la concorrenza sleale e quindi i prezzi inferiori per realizzare le opere senza alcuna autorizzazione, provocano la chiusura delle aziende sane, quelle che pagano tutte le tasse e che non permettono la realizzazione di edifici abusivi. Non sono rari – continua Reina – i casi in cui le aziende sane si trasformano in abusive: insomma, se non si riuscirà ad agire efficacemente contro le costruzioni abusive, saremo sempre di fronte ad un circolo vizioso. Confartigianato continuerà a combattere l'abusivismo, in ogni settore, come fa già da anni. Per questo – aggiunge Reina – mi espongo proprio come ho fatto lo scorso anno, chiedendo di denunciare, di fare i nomi e di riferire tutto alla nostra associazione tramite il mio numero di telefono. È possibile così segnalare gli abusivi tramite il numero 349.2253723”.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it