E Parigi rimase al buio…

Redazione

Mondo

E Parigi rimase al buio…
Via alla nuova ordinanza che prevede che le luci di monumenti, negozi, chiese e stazioni, si spengano all´una di notte

E Parigi rimase al buio…

18 Gennaio 2016 - 00:00

La chiamano “Ville Lumiere”, la città delle luci. Parigi, però, è destinata a perdere questo appellativo. Visto che l’amministrazione ha deciso di spegnere le sue luminarie per evitare gli sprechi energetici. All’una esatta, tutto si spegnerà: monumenti pubblici, chiese, stazioni, negozi, uffici e insegne della capitale ma anche di altre città e comuni francesi. Sono previste delle eccezioni nelle zone turistiche, attrazioni culturali e centri storici oltre che per le illuminazioni di Natale e di altri periodi festivi. Le multe per chi non rispetta il regolamento possono arrivare a 750 euro. Intanto il governo ha lanciato una campagna di comunicazione dal titolo “Illuminare per niente di notte” con lo scopo di informare commercianti e imprese. 

Si punta a risparmiare, secondo gli addetti ai lavori, oltre 200 milioni l’anno. E sarà un’azione che porterà benefici anche all’ambiente, visto che si ridurranno le emissioni di anidride carbonica di 250 mila tonnellate. E già si pensa al futuro. Visto che è allo studio la soppressione dell’illuminazione pubblica. In pratica i pali avranno un sensore che rivelerà i movimenti e che si accenderà solo al passaggio di qualche persona. 

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it