Elezioni Regionali: Commissione abolisce listino ma scompare la doppia preferenza

Michele Ferraro

Regione

Elezioni Regionali: Commissione abolisce listino ma scompare la doppia preferenza
Forzese "DDL presto in aula". Milazzo, Maggio e Anselmo: confermare doppia preferenza di genere

Elezioni Regionali: Commissione abolisce listino ma scompare la doppia preferenza

18 Gennaio 2016 - 00:00

“Abbiamo varato in I commissione Ars il ddl che abolisce il listino – afferma il presidente della I commissione Marco Forzese (Drs). “Dalla prossima legislatura in parlamento regionale si potrà arrivare solo con il sistema delle preferenza”. Dopo l’approvazione in commissione la norma dovrà superare  l’esame dell’Aula. Forzese si dice certo di una imminente calendarizzazione da parte del presidente Ardizzone al fine di avviare la discussione fin dai prossimi giorni. “Nel ddl esitato oggi abbiamo disciplinato anche la materia del seggio assegnato al candidato presidente arrivato secondo. In questo caso, l’ipotesi di vacanza del seggio verrà risolta con l’assegnazione al candidato più votato, in ambito regionale, tra liste che compongono la minoranza”. Scompare invece la norma, introdotta in occasione delle scorse amministrative, che prevede la possibilità della doppia preferenza di genere. Circostanza che ha subito suscitato la reazione di alcune deputate regionali “Vogliamo pensare che si tratti solo di un incidente di percorso al quale porremo presto rimedio in aula” affermano Antonella Milazzo e Mariella Maggio del Pd insieme con Alice Anselmo dell’Udc. “Quando il testo sarà esaminato a Sala d’Ercole – aggiungono – riproporremo la norma: bisogna andare avanti su questa strada e estendere anche alle elezioni regionali il meccanismo introdotto alle amministrative. Abbiamo proiettato la Sicilia all’avanguardia sul capo dei diritti civili nell’ambito della rappresentanza istituzionale. Il numero di donne elette alle ultime elezioni è notevolmente aumentato – concludono Milazzo, Maggio e Anselmo – non sarà certo un imprevisto in commissione a fermare questo processo”. Intanto il parlamento nazionale è ancora impegnato nella fase di doppia approvazione, in Camera e Senato, della norma che prevede la riduzione del numero di deputati regionali da 90 a 70

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it