Guardia di Finanza, controlli ai distributori, rilevate irregolarità

Redazione

Palermo

Guardia di Finanza, controlli ai distributori, rilevate irregolarità
Manomissione alle colonnine, benzina e gasolio di scarsa qualità. Ed, inoltre, un distributore di un´azienda privata utilizzato per vendere carburanti ai cittadini

Guardia di Finanza, controlli ai distributori, rilevate irregolarità

18 Gennaio 2016 - 00:00

Nuovi controlli a tutela della legalità del mercato e del consumatore finale nel settore della distribuzione carburanti sono stati effettuati dalla Guardia di Finanza di Palermo, anche in risposta ad alcune segnalazioni pervenute al numero di “117” da cittadini palermitani, riguardanti presunti casi di abusivismo e di frode nella erogazione  di minor quantitativi di carburante rispetto a quelli “pagati” e mostrati dal “display” della colonnina di erogazione ovvero per rendimenti non ottimali delle autovetture dopo i rifornimenti. I controlli hanno riguardato, oltre che l’osservanza degli adempimenti contabili ed amministrativi ed il possesso delle autorizzazioni di legge, la rilevazione delle giacenze dei prodotti energetici con prelievo di campioni, il controllo metrico tendente ad accertare l’effettiva erogazione di prodotto nelle quantità richieste, nonché la verifica dell’integrità dei sigilli apposti sui congegni elettrici ed elettronici che sovrintendono al funzionamento delle colonnine di erogazione in uso agli impianti.

Nei confronti di un primo impianto, le Fiamme Gialle del Gruppo di Palermo hanno appurato la manomissione dei sigilli metrici apposti ai dispositivi di taratura dall’Ufficio Metrico per evitare alterazioni dei congegni di misurazione,nonché l'alterazione di tali congegni su 3 colonnine di erogazione. In dettaglio i finanzieri hanno scoperto che il gestore, mediante l’ausilio di un’artigianale strumento tipo “spillo”, agiva sui dispositivi contatori delle testine contometriche, il cui vetrino posto a protezione risultava facilmente rimovibile, in maniera tale da modificarne la lettura, in più o in meno a seconda della necessità, in modo da far “quadrare i conti” tra i registri contabili e le giacenze effettive dei prodotti petroliferi contenuti nei serbatoi. Il tutto per dare “copertura” contabile a quantitativi eccedenti di prodotti, ottenibili per effetto di rifornimenti ai clienti in misura inferiore a quella indicata dalle colonnine ovvero di illecite introduzioni o recuperi di carburante in evasione delle accise, delle imposte dirette e dell'Iva e quindi “in nero”.

Un secondo intervento presso altro impianto di carburanti, ha portato i finanzieri del Nucleo di polizia tributaria, oltre alla scoperta di un identico caso di  manomissione dei sigilli delle colonnine del distributore, ad appurare gravi irregolarità sotto il profilo qualitativo dei prodotti petroliferi commercializzati. Infatti, da un lato è stata riscontrata la manomissione del sistema di misurazione, posto all’interno delle colonnine di erogazione e la sostituzione dei totalizzatori dei litri erogati e del relativo display, senza alcuna comunicazione all’Ufficio metrico della Camera di commercio, anche in tal caso strumentali all’esigenza di una “quadratura” dei conti per riallineare le giacenze contabili con quelle fisiche dei prodotti energetici detenuti, dall’altro lato è emerso che i campioni di prodotti petroliferi, prelevati all’atto dell’intervento ed inviati al competente laboratorio chimico delle Dogane, sono risultati non conformi alla normativa vigente in quanto costituiti da miscelazioni abusive di sostanze diverse o di infima qualità, anche denominate “più bassobollenti” per complessivi litri 9.907, spacciati parte come benzina, parte come gasolio per autotrazione.

Un terzo intervento è stato invece mirato al commercio “in nero” di carburanti ed ha portato al sequestro di un impianto privato di distribuzione di gasolio per il rifornimento degli automezzi aziendali ubicato all’interno di un deposito commerciale di prodotti energetici, illecitamente adibito alla vendita di carburanti alla stregua di una normale stazione di servizio. La normativa vigente consente ad alcune imprese che dispongono di automezzi – quali le aziende di trasporto o i depositi commerciali – di installare negli spazi aziendali un distributore privato di carburanti per le esigenze dell’impresa connesse al rifornimento continuo dei mezzi, anche in orari di chiusura degli impianti commerciali della rete stradale; è fatto comunque divieto al titolare del distributore privato di cedere carburanti mediante l’immissione nel serbatoio degli autoveicoli diversi da quelli della propria azienda. Ed invece, dai numerosi appostamenti e dalle indagini dei finanzieri del Nucleo di polizia tributaria effettuati  al di fuori dei cancelli posti a delimitazionedell’area commerciale di un deposito palermitano, sono stati notati, in diverse occasioni, numerosi automobilisti in paziente attesa di effettuare rifornimento di carburante. Intervenuti all’interno dell’area aziendale, poi, le Fiamme Gialle hanno rinvenuto diversi automezzi, tra cui autocisterne, in attesa di approvvigionamento all’ingrosso di quantitativi di prodotto energetico e autovetture private che attendevano in prossimità di una colonnina di erogazione di gasolio per autotrazione. Dai riscontri, si è avuta conferma che si trattava di un punto di rifornimento, gestito come un vero e proprio impianto stradale, completamente abusivo,  privo di certificazione antincendio e della prescritta autorizzazione alla commercializzazione di prodotti energetici al dettaglio. Addetti alla pompa erogavano, a clienti privati, carburante ad un prezzo inferiore a quello mediamente praticato dai distributori stradali regolarmente abilitati, pari ad € 1,60. Al termine dell’intervento, i finanzieri hanno sottoposto a sequestro la colonnina di erogazione ed il serbatoio a cui la stessa era collegata ed il gasolio in esso contenuto, strumentali all’esercizio dell’attività abusiva, ed hanno deferito alla locale Autorità Giudiziaria il rappresentante legale del deposito commerciale. Sono stati avviati i necessari approfondimenti mirati a ricostruire il reale volume di affari, conseguito nell’esercizio della menzionata attività, nonché sulla legittima provenienza dei quantitativi di prodotto energetico complessivamente commercializzati dall’azienda.

Nel complesso nel corso delle suddette operazioni i finanzieri hanno sequestrato 9 serbatoi interrati, 8 colonnine erogatrici, circa 9.300 litri di benzina e litri 5.200 di gasolio e denunciato all’Autorità Giudiziaria 3 soggetti, di cui due gestori degli impianti stradali di carburanti e uno del distributore privato; i reati contestati vanno dalla frode nell’esercizio del commercio, all’uso o detenzione di strumenti di misurazione alterati e alla sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa sui prodotti energetici.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it