Infarto: l´applicazione per cellulare che ti salva la vita

Redazione

Mondo

Infarto: l´applicazione per cellulare che ti salva la vita
Invetato in Virginia un software rivoluzionario

Infarto: l´applicazione per cellulare che ti salva la vita

18 Gennaio 2016 - 00:00

È ancora sperimentale, ma l’app sviluppata dalla facolta di medicina dell'Università della Virginia (USA) potrebbe rivoluzionare e cambiare per sempre i metodi diagnostici per le malattie cardiache. Lo straodrinario software ideato dai ricercatori americani è in grado non solo di monitorare il cuore del “pazinete” ma anche di trasmette in tempo reale le immagini, del tutto simili a quelle registrate nell’elettrocardiogramma, in maniera sicura, rapida e ad alta risoluzione, all'ospedale scelto. Suprfluo dire quante vite potrebbe salvere un simile strumento, capace di fare diagnosi nel momento stesso in cui si avverte il malore, senza dover attendre la vistia del medico o l'arrivo dell'ambulanza. Soprattutto nei casi di attacchi cardiaci più improvvisi e letali, come in caso di infarto miocardico acuto. “La telemedicina – si legge in un'interessante dossier pubblicato sulle riviste specializzate – si sta negli ultimi diffondendo anche in Italia: il successo di questa tecnologia è dovuto principalmente alla possibilità di effettuare a distanza una diagnosi precoce e di ridurre così il tempo di intervento, fatto particolarmente importante nel trattamento dell’infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST. In questo tipo di attacchi cardiaci, infatti, la finestra in cui l’intervento chirurgico ha la maggiore probabilità di essere efficace è piuttosto breve, entro i 90 minuti nel caso di intervento a cuore aperto, entro 30 nel caso di intervento solo farmacologico.” La telemedicina, che si basa su un sistema di trasmissione tempestiva delle analisi dal luogo di primo intervento all’ospedale. L’idea alla base di questa pratica è che, ad esempio, l’elettrocardiogramma che mostra evidenza di un attacco cardiaco possa arrivare ai medici che tratteranno il paziente in emergenza subito prima (o quantomeno contemporaneamente) al paziente stesso. Gà altre teconologie, ben più complesse e non certo alla portata di tutti, consentivo tali trasmissioni via web ma, a parte a parte la difficoltà di comercializzazione, l'invio delle immagini si mostrava spesso poco affidabile, soprattutto nei punti in cui la rete/connessione non è molto potente. “Ed è proprio in questo caso che un semplice smartphone potrebbe salvare vite. L'App sviluppata a Charlottesville (sede dell'Università della Virginia) può rendere la trasmissione degli elettrocardiogrammi pre-accettazione in ospedale, alla portata di tutti, in modo estremamente veloce ed economico. Ciò si traduce immediatamente in un intervento più veloce e dunque in più vite salvate”. Per verificarne il corretto funzionamento, gli scienziati hanno testato l’invio di immagini di elettrocardiogramma per oltre 1500 volte, in area urbana. Nei test effettuati sull’applicazione, sviluppata per iPhone, le immagini, trasmesse con diversi operatori, arrivavano in appena 4-6 secondi. Il tasso di fallimento dell’invio a 120 secondi era meno dello 0,5%.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it