Misilmeri, incendio in casa, intossicate madre e figlia

Redazione

Regione

Misilmeri, incendio in casa, intossicate madre e figlia
I carabinieri sventano la tragedia domando le fiamme che si erano sprigionate da una bombola di gas

Misilmeri, incendio in casa, intossicate madre e figlia

18 Gennaio 2016 - 00:00

A Misilmeri si è sfiorata la tragedia tra le mura domestiche, scampata grazie al provvidenziale intervento dei carabinieri. È accaduto nella tarda mattinata di ieri, a Portella di Mare, quando i carabinieri della locale stazionee del nucleo radiomobile della compagnia di Misilmeri, intervenivano a seguito di richiesta telefonica pervenuta tramite 112 presso privata abitazione dove era stato segnalato un incendio. Sul posto i militari notavano fiamme sprigionarsi dalla bombola del gas della cucina nonché la presenza di persone all’interno dell’appartamento.

I carabinieri riuscivano immediatamente a trascinare fuori dallo stabile la bombola e domare l’incendio, per limitare il pericolo di esplosione, per poi entrare nuovamente nell’abitazione, colma delle esalazioni emesse dal fuoco, ed estrarre le occupanti madre e figlia, G.M., nata a Palermo classe 1962, in evidente stato confusionale; G.D., nata a Palermo classe 1996, priva di sensi.

Veniva pertanto richiesto l’immediato intervento di personale sanitario del 118, intervenuti poco dopo, constatando lo stato di intossicazione delle malcapitate. dopo aver prestato loro i primi soccorsi sono state trasportarle presso l’ospedale “Buccheri La Ferla” di Palermo e nella prima mattinata odierna sono state dimesse, dopo gli accertamenti di competenza. Sul luogo dell’incendio sono intervenuti i vigili del fuoco di Palermo, che hanno verificato la messa in sicurezza della bombola e l’assenza di danni strutturali allo stabile. gli investigatori attribuivano l’incendio a probabili cause accidentali. Lievi i danni all’abitazione, in corso di quantificazione.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it