Palermo, l'imprenditoria è “rosa”. Nasce CNA Impresa donna

Redazione

Palermo

Palermo, l'imprenditoria è “rosa”. Nasce CNA Impresa donna
Ecco la nuova sezione tutta al femminile della confederazione dell'artigianato e piccola e media impresa siciliana

Palermo, l'imprenditoria è “rosa”. Nasce CNA Impresa donna

18 Gennaio 2016 - 00:00

Nasce il gruppo Cna Impresa Donna – Sicilia, che si propone di essere punto di riferimento per donne imprenditrici della piccola e media impresa dell’Isola.

 “Ci rivolgiamo a tutte le donne che perseguono un sogno – dice Floriana Franceschini, neo-eletta presidente regionale Cna Impresa Donna Sicilia – quello di vedere la propria azienda crescere in salute e prosperità come fosse un figlio, investendo in essa ogni risorsa e capacità professionale”.

Fra gli obiettivi della nuova aggregazione, aderente alla Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della PMI siciliana, l’elaborazione di proposte di legge in collaborazione sinergica con i funzionari Cna. 

“Nel nostro Paese e specialmente in Sicilia – prosegue il presidente Franceschini – le donne imprenditrici risultano svantaggiate rispetto ad altre realtà in ordine ai servizi di welfare, accesso al credito, tutele lavorative. Per questo intendiamo dialogare e promuover iniziative sulla rappresentanza degli interessi e delle tematiche dell’imprenditoria femminile nei confronti delle Istituzioni, del Governo e del mondo associativo”.

 Il gruppo di lavoro è costituito dalle imprenditrici di Cna Catania (Lorena Russo, Anna Quartarone), Cna Siracusa (Rosanna Magnano, Maria Iangliaeva Gallitto), Cna Trapani (Mariella Triolo), Cna Palermo (Maria Bonanno, Rossi Maria Illuminata).

Gli auguri alla nuova associazione siciliana arrivano anche dal dirigente nazionale Cna Maria Iangliaeva Gallitto: “Vogliamo promuovere e sostenere l’imprenditoria femminile, affermando il principio delle Pari Opportunità nella società, nell’economia e nella vita dell’organizzazione. Vogliamo contribuire al rafforzamento del tessuto socioeconomico siciliano in totale parità di doveri e diritti con ogni altra forma di impresa, chiedendo e credendo in un unico parametro di valutazione”.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it