Palermo, nel 2013 oltre 1.200 aziende artigiane hanno chiuso i battenti

Redazione

Palermo

Palermo, nel 2013 oltre 1.200 aziende artigiane hanno chiuso i battenti
I dati drammatici comunicati da Nunzio Reina, presidente di Confartigianato

Palermo, nel 2013 oltre 1.200 aziende artigiane hanno chiuso i battenti

18 Gennaio 2016 - 00:00

“Le imprese artigiane sono al collasso e, purtroppo, i dati che riguardano il 2013 non ci sorprendono”. A dichiararlo è Nunzio Reina, presidente di Confartigianato Palermo, in base al numero di cessazioni che riguardano il vecchio anno fino a settembre, destinato a gonfiare quando sarà definitivo quello fino al 31 dicembre. Un aumento, seppur lieve, delle imprese che chiudono che non rende ottimisti. Nel dettaglio, si tratta di 1.283 cessazioni nel 2013, contro le 716 iscrizioni. Così suddivisi: 

Primo trimestre 2013

540 cessazioni

242 iscrizioni

Secondo trimestre 2013 

347 cessazioni

295 iscrizioni

Terzo trimestre 2013

396 cessazioni

179 iscrizioni

“Dati  – prosegue Reina – che confrontati con quelli del 2012 ribadiscono le grosse difficoltà delle imprese e un inevitabile aumento dell'abusivismo della professione”. Nel 2012, infatti, le cessazioni durante tutto l'anno erano state 1275, le iscrizioni 1049. Èsconfortante che molti artigiani si ritrovino ad abbassare la saracinesca per continuare a lavorare abusivamente. Per ogni impresa che chiude, ci sono almeno tre persone che continueranno a lavorare in nero, dal titolare, artigiano nel vero senso della parola, fino ai dipendenti che avranno nel frattempo imparato il mestiere. Gli altri, resteranno disoccupati, alla continua ricerca di un lavoro. Una categoria al collasso, insomma. E si tratta di un meccanismo che penalizza fortemente chi continua a fare sacrifici, a pagare le tasse e i propri collaboratori, ogni mese e puntualmente. Ci sono artigiani che hanno venduto tutto per estinguere i debiti, ma tra due anni si ritroveranno nella stessa situazione e potranno soltanto chiudere, a causa degli incassi inferiori agli introiti e alla pesante tassazione che li colpisce. A contribuire a questa situazione drammatica, la difficoltà per accedere al credito. Se un artigiano chiede un aiuto economico non lo fa per sfizio – conclude Reina -ma per la sopravvivenza, per tentare di recuperare il recuperabile. Le porte in faccia, invece, provocano soltanto la chiusura delle attività”.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it