Ritrovato il “tesoro” di Hitler che vale un miliardo di euro

Rosario Lo Cicero

Mondo

Ritrovato il “tesoro” di Hitler che vale un miliardo di euro
Oltre 1.500 opere di artisti come Renoir, Matisse, Chagall, Picasso che si credevano perdute sotto i bombardamenti

Ritrovato il “tesoro” di Hitler che vale un miliardo di euro

18 Gennaio 2016 - 00:00

A più di 60 anni dal suicidio e dopo le catastrofi procurate in Europa e delle indimenticabile sofferenze procurate al popolo Ebraico, il fuhrer del Terzo Reich, Adolf Hitler, torna, anche se indirettamente, a far parlare di sé: più di 1.500 capolavori che si credevano perduti per sempre, opere di Renoir, Matisse, Chagall, Picasso e di tanti altri inarrivabili artisti del secolo scorso, sono stati ritrovati nel fatiscente appartamento di Cornelius Gurlitt, figlio di Hildebandt, gallerista dell'orribile capo del nazismo. Erano accatastati dietro ad un muro di barattoli di fagioli e di cassette di frutta. Smentiti gli esperti che li credevano distrutti sotto i bombardamenti subiti dalla Germania hitleriana. Il ritrovamento è stato effettuato nel sobborgo di Schwanbing a Monaco di Baviera. Secondo le prime stime, si parla di un valore complessivo di oltre un miliardo di euro.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it