Sequestro di abbigliamento contraffatto, la Guardia di Finanza li dona in beneficenza

Redazione

Palermo

Sequestro di abbigliamento contraffatto, la Guardia di Finanza li dona in beneficenza
Capi di marchi famosi sequestrati in centro. Dopo le analisi per accertare l´assenza di prodotti nocivi, sono stati donati a due associazioni

Sequestro di abbigliamento contraffatto, la Guardia di Finanza li dona in beneficenza

18 Gennaio 2016 - 00:00

Nell’ambito dell’attività di controllo economico del territorio mirato alla tutela dei diritti d’autore, alla lotta alla contraffazione dei marchi, nonché alla tutela del mercato e della sicurezza dei consumatori, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Palermo hanno svolto, nel corso dell’ultima settimana, un ampio piano d’azione concentrato nelle aree del centro della città, più movimentate e frequentate, ove si concentrano maggiormente i fenomeni di abusivismo commerciale e vendita di merci illegali.

I controlli hanno interessato principalmente via Libertà, piazza Castelnuovo, via Ruggero Settimo, via Principe di Belmonte e zone limitrofe dove spesso i venditori abusivi improvvisano bancarelle e “tappeti” di scarpe, borse, giubbotti e altra merce di marche conosciute e famose, all’apparenza simili a quelle vendute nei negozi, ma con costi nettamente inferiori che, non hanno, in realtà, la qualità e l’affidabilità degli originali e che, per tale ragione, spesso sono anche pericolosi per la salute.

Gli interventi sono stati rivolti principalmente nei confronti dei detentori di prodotti con marchi contraffatti, ma anche nei confronti di soggetti che ponevano in vendita supporti informatici quali Cd e Dvd contenenti opere musicali e cinematografiche e giochi illegalmente duplicati, nonché di commercianti completamente abusivi che esercitavano la vendita in luoghi pubblici senza alcuna autorizzazione amministrativa e fiscale.

Nel complesso sono stati identificati e denunciati alla competente Autorità Giudiziaria 5soggetti per reati di contraffazione e di ricettazione; 2 denunce sono state redatte nei confronti di soggetti rimasti ignoti, datisi alla fuga, abbandonando sul posto la merce, alla vista dei finanzieri.

Sequestrati più di 3.000 giocattoli riportanti il marchio contraffatto “Ben Ten”, circa 700 capi di abbigliamento ed accessori (tute, borse, scarpe e cinture) recanti marchi contraffatti, tra cui “Fendi”, “Chanel”, “Harmont and Blaine”, “Blauer”, oltre 500 tra Cd e Dvd illecitamente masterizzati posti sotto sequestro.

Identificati e verbalizzati 7 persone assolutamente sprovvisti di licenza commerciale o di autorizzazione amministrativa per il commercio su suolo pubblico, nei confronti dei quali è scattata la segnalazione al Sindaco ed il sequestro amministrativo dei beni posti in vendita, pari a circa 800 accessori per telefonia, quali pellicole salva schermo e cover privi di marchio identificativo.  

Sempre nei giorni scorsi, capi di abbigliamento in sequestro (tute e scarpe), dopo l’asportazione del marchio identificativo contraffatto e verificata l’assenza di materiali nocivi per la salute, su autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria sono stati dalla Guardia di Finanza consegnati in beneficenza all’Associazione Gruppo di Preghiera “Maria Immacolata” di Casteldaccia e all’Istituto Don Orione “Villaggio del Fanciullo”, di Palermo.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it