Stipulato il “Contratto di Fiume” tra i Comuni di Castelbuono, Pollina, San Mauro e Geraci

Marianna Lo Pizzo

Politica

Stipulato il “Contratto di Fiume” tra i Comuni di Castelbuono, Pollina, San Mauro e Geraci
Programmati interventi di mitigazione del rischio geologico e di riqualificazione ambientale

Stipulato il “Contratto di Fiume” tra i Comuni di Castelbuono, Pollina, San Mauro e Geraci

18 Gennaio 2016 - 00:00

Il Contratto di Fiumesi configura come un accordo volontario fra soggetti pubblici e privati volto a definire obiettivi, strategie d’intervento, azioni da attivare, competenze da coinvolgere, risorse da allocare per la riqualificazione ambientale e la rigenerazione socio-economica del bacino idrografico a questo connesso.

I bacini idrografici individuati e ricadenti nel Contratto di Fiume rappresentano un territorio nel quale coesistono valenze, criticità ambientali e socioeconomiche la cui complessità risulta in buona parte già riconosciuta, ma non ancora pienamente affrontata.

Gli interventi da eseguire nei bacini non sono solo quelli relativi alla mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico, ma anche l’inquinamento dei suoli, delle acque e dell’aria, l’attivazione di nuove politiche agricole basate sulla green economy, la fruibilità turistica ed ambientale dei siti, l’uso sostenibile della risorsa idrica, la valorizzazione del territorio e della storia di tutta l’area, con interventi che ne esaltino anche le rilevanze storiche, paesaggistiche e naturalistiche proprie dei luoghi, nonché lo sviluppo socio economico sostenibile.

Il Comune di Castelbuono insieme ai Comuni limitrofi di Pollina, San Mauro Castelverde e Geraci Siculo hanno promosso l’istituzione di un Contratto di Fiume dei bacini del Pollina, nell’ottica di attivare azioni strategiche integrate per il risanamento delle acque e più in generale per la riqualificazione e lo sviluppo socio economico del territorio ricadente nei bacini idrografici suddetti.

A tal fine la Giunta Municipale ha approvato un protocollo d’intesa che si pone i seguenti obiettivi:

-costruire uno scenario strategico e condiviso di sviluppo sostenibile del territorio coniugando sicurezza e qualità ambientale attraverso la stesura di un PIANO DI AZIONE LOCALE;

– realizzare un sistema informativo territoriale integrato a supporto dell’attività di pianificazione territoriale ed ambientale, nonché delle più ampie attività amministrative-tecniche;

– individuare i ruoli e i tempi di azioni precise per attori pubblici, privati e associativi che siano in grado di dare un contributo concreto alla difesa dalle esondazioni e al miglioramento dell’ambiente e del territorio al fine del risanamento delle acque;

– dare concreta attuazione ad un sistema di interventi integrati di riqualificazione insediativa del bacino, finalizzati al risanamento delle acque e al miglioramento socio economico del territorio.Il Contratto di Fiumesi configura come un accordo volontario fra soggetti pubblici e privati volto a definire obiettivi, strategie d’intervento, azioni da attivare, competenze da coinvolgere, risorse da allocare per la riqualificazione ambientale e la rigenerazione socio-economica del bacino idrografico a questo connesso.

 

I bacini idrografici individuati e ricadenti nel Contratto di Fiume rappresentano un territorio nel quale coesistono valenze, criticità ambientali e socioeconomiche la cui complessità risulta in buona parte già riconosciuta, ma non ancora pienamente affrontata.

Gli interventi da eseguire nei bacini non sono solo quelli relativi alla mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico, ma anche l’inquinamento dei suoli, delle acque e dell’aria, l’attivazione di nuove politiche agricole basate sulla green economy, la fruibilità turistica ed ambientale dei siti, l’uso sostenibile della risorsa idrica, la valorizzazione del territorio e della storia di tutta l’area, con interventi che ne esaltino anche le rilevanze storiche, paesaggistiche e naturalistiche proprie dei luoghi, nonché lo sviluppo socio economico sostenibile.

Il Comune di Castelbuono insieme ai Comuni limitrofi di Pollina, San Mauro Castelverde e Geraci Siculo hanno promosso l’istituzione di un Contratto di Fiume dei bacini del Pollina, nell’ottica di attivare azioni strategiche integrate per il risanamento delle acque e più in generale per la riqualificazione e lo sviluppo socio economico del territorio ricadente nei bacini idrografici suddetti.

A tal fine la Giunta Municipale ha approvato un protocollo d’intesa che si pone i seguenti obiettivi:

-costruire uno scenario strategico e condiviso di sviluppo sostenibile del territorio coniugando sicurezza e qualità ambientale attraverso la stesura di un PIANO DI AZIONE LOCALE;

– realizzare un sistema informativo territoriale integrato a supporto dell’attività di pianificazione territoriale ed ambientale, nonché delle più ampie attività amministrative-tecniche;

– individuare i ruoli e i tempi di azioni precise per attori pubblici, privati e associativi che siano in grado di dare un contributo concreto alla difesa dalle esondazioni e al miglioramento dell’ambiente e del territorio al fine del risanamento delle acque;

– dare concreta attuazione ad un sistema di interventi integrati di riqualificazione insediativa del bacino, finalizzati al risanamento delle acque e al miglioramento socio economico del territorio.

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it