Termini, ordine di carcerazione per un pregiudicato

Redazione

Regione

Termini, ordine di carcerazione per un pregiudicato
Si tratta di Carmelo Graziano, arrestato nell´ambito dell´operazione "Camaleonte II". Graziano si trovava agli arresti domiciliari. I Carabinieri lo hanno trasferito nel carcere Cavallacci

Termini, ordine di carcerazione per un pregiudicato

18 Gennaio 2016 - 00:00

I Carabinieri della Compagnia di Termini Imerese hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione nei confronti di Carmelo Graziano, 53 anni di Sciara, disoccupato, pregiudicato, già sottoposto alla detenzione presso la propria abitazione. Il provvedimento è stato emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Termini Imerese. Graziano dovrà espiare la pena di 5 anni di reclusione a seguito della sentenza emessa nell’aprile del 2011 dal Tribunale Ordinario di Termini Imerese, confermata dalla Corte d’Appello di Palermo – Sezione 3^ e divenuta definitiva a seguito della decisione della Suprema Corte di Cassazione con cui veniva rigettato il ricorso presentato da Graziano.

I fatti risalgono al 2009, quando Graziano veniva arrestato, unitamente ad altre 14 persone, ritenute responsabili a vario titolo di appartenere al mandamento mafioso di “Trabia e alle famiglie mafiose di Termini Imerese, Caccamo e Sciara”, in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dal Gip del Tribunale di Palermo, su richiesta della Dda del capoluogo siciliano, nell’ambito dell’operazione denominata convenzionalmente “Camaleonte 2” condotta dalla Compagnia Carabinieri di Termini Imerese.

L’operazione era il seguito investigativo della precedente operazione “Camaleonte”, che nel giugno del 2007 aveva invece permesso di eseguire 9 provvedimenti di fermo di indiziato di delitto nei confronti degli allora vertici di “Cosa Nostra” di Termini Imerese, Trabia e Caccamo, ritenuti responsabili dei reati di associazione di tipo mafioso, estorsione e favoreggiamento personale, aveva consentito di individuare ed azzerare i vertici del Mandamento mafioso di Trabia, disarticolando le famiglie di Trabia, Caccamo, Sciara e Termini Imerese, in un territorio effervescente e storicamente strategico per “Cosa Nostra”, poiché vera e propria “cerniera” tra le provincie di Palermo, Agrigento e Caltanissetta e storicamente noto come “la Svizzera di Cosa Nostra” . 

Nell’ambito dell’operazione del marzo del 2009, “Camaleonte 2” , GrazianoCarmelo era risultato colpevole di avere, in concorso con altri (Fabrizio Iannolino, Liborio Pirrone e Paolo Lo Iacono), procurato, nel territorio del Comune di Termini Imerese, tra la fine del 2004 e i primi mesi del 2006, a se stesso, ai correi ed all’organizzazione “Cosa Nostra” un ingiusto profitto attraverso le “messe a posto”, ossia le richieste di “pizzo” ad attività imprenditoriali della zona. Nello specifico l’azione di Graziano e dei correi avrebbe agevolato l’attività dell’organizzazione mafiosa denominata “Cosa Nostra” e sarebbe stata posta in essere attraverso la minaccia derivante dalla forza intimidatrice del vincolo associativo esercitata nei confronti del titolare di un’attività edile che stava svolgendo i lavori per la realizzazione di 100 alloggi popolari a Termini Imerese.

In ragione dei capi d’accusa a suo carico, la posizione di Graziano veniva allora stralciata e presso il Tribunale di Termini Imerese veniva instaurato nei suoi confronti un’ulteriore procedimento penale, con la sentenza di condanna in primo grado, avverso la quale veniva opposto dapprima ricorso alla Corte d’Appello di Palermo e successivamente alla Suprema Corte di Cassazione, che lo rigettava rendendo definitiva la sentenza del 2011 e quindi disponendo nuovamente la carcerazione per Graziano che nel frattempo stava scontando, per motivi di salute, la pena detentiva presso la propria abitazione.

L’arrestato è stato trasferito presso la Casa Circondariale “Cavallacci” di Termini Imerese a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it