L’8 marzo a Castelbuono: tre giorni di iniziative per le donne

Redazione

Eventi

L’8 marzo a Castelbuono: tre giorni di iniziative per le donne

L’8 marzo a Castelbuono: tre giorni di iniziative per le donne
07 Marzo 2017 - 13:29

In occasione della “Giornata internazionale della Donna” l’Amministrazione comunale promuove delle iniziative di sensibilizzazione e momenti di riflessione collettiva sulla discriminazione e violenza di genere. Primo appuntamento l’8 marzo alla Sala delle Capriate presso Badia dalle 16 alle 18 un webinar con donne straordinarie che ogni giorno a scuola lavorano con l’innovazione organizzato da CampuStore che porrà domande a delle relatrici d’eccezione durante il quale si parlerà dell’eccellenza nell’education delle donne italiane in campi come innovazione, tecnologia, scienze, robotica. A parlare saranno vere eroine italiane del mondo della scuola e una special guest straniera d’eccezione, donne che ogni giorno lavorano con l’innovazione per formare non solo bambine e ragazze capaci di credere di più in sé stesse e nella loro capacità di cambiare il mondo, ma anche ragazzi che diventeranno uomini desiderosi di aspettarsi un mondo alla pari. L’obiettivo è quello di superare gli stereotipi e i pregiudizi che alimentano il gap di conoscenze tra le studentesse e gli studenti rispetto alle materie Stem – scienze, matematica, informatica e coding, nell’ambito del percorso di studi nonché nelle scelte di orientamento e professionali.

Sempre durante la giornata dell’8 marzo, anche quest’anno, aderendo all’iniziativa del Ministero dei Beni e delle Attività e del Turismo, è previsto per le donne, l’ingresso gratuito per tutta la giornata, al Museo Civico presso il Castello dei Ventimiglia e al Museo Garibaldino presso l’ex Carcere in Piazza Margherita. Al Museo Civico, alle ore 18,30 si può usufruire della visita guidata alla mostra di Manfredi Beninati e alla Pinacoteca di arte moderna e contemporanea.  Un’iniziativa dal valore simbolico nella convinzione che non ci sono diritti ed emancipazione se non c’è cultura e istruzione.

Il secondo appuntamento il 9 marzo alle ore 17,30 sempre alla Badia per la proiezione del film “La donna che canta” di Denis Villineuve a cui seguirà un commento al film per orientare al dibattito e ad una riflessione.

Per concludere, sabato 11 Marzo alle 17 a cura dell’Associazione Ceres sarà presentato il libro “La Toilette della Signora del liberty”che riaccende i riflettori sul mito di Franca Florio, indagando sulle toilette che la resero protagonista indiscussa della mondanità dell’epoca, una first lady palermitana della belle epoque, che la fa sopravvivere ai secoli, che la fa essere donna amata anche nei ceti popolari, non solo dagli uomini, ma anche dalle donne per la sua fierezza e la sua emancipazione.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it