Cosa mettere in valigia? Basta uno smartphone, grazie!

Redazione

Italia

Cosa mettere in valigia? Basta uno smartphone, grazie!

di Redazione 
Cosa mettere in valigia? Basta uno smartphone, grazie!

Ebbene sì, è tempo di vacanze! Gli esami di maturità sono giunti al termine, gli studenti universitari possono dichiarare conclusa la sessione d’esami e le famiglie possono finalmente concedersi qualche giorno di relax al mare. La voglia di oziare è tanta: svegliarsi tardi, prendere il sole in spiaggia, passeggiare lungo la battigia, fare lunghe nuotate. Quanto relax… ma non si corre il rischio di annoiarsi? Forse sarebbe meglio portare con sé qualche libro, un mazzo di carte, della musica, un film, e magari un vocabolario tascabile per chiacchierare con i turisti stranieri. No, no, non c’è bisogno di riempire il bagaglio a mano di inutili cianfrusaglie: basta uno smartphone, ci credi?

Leggere in spiaggia: app o cartaceo?
Quale passatempo migliore della lettura per rilassarsi in spiaggia? È vero: nonostante il fascino della carta stampata, i libri possono risultare molto ingombranti in valigia, oltre che pesanti, ma esistono numerose soluzioni per ovviare al problema. Per quanto gli italiani continuino a preferire il cartaceo al digitale, l’e-book ha infatti raggiunto una certa notorietà negli ultimi anni, soprattutto per motivi legati alla praticità: bastano pochi centimetri di spazio e circa 200 grammi di peso per portare con sé un’intera biblioteca. Al contrario di quanto si possa pensare, non è necessario possedere un tablet o un lettore e-book per accedere alla propria libreria; app come Kobo Books, infatti, disponibile su dispositivi IOS e Android, consente di avere accesso a circa 5 milioni di titoli. Anche My Books, che offre quasi esclusivamente letture in inglese, è disponibile sull’App Store per dispositivi IOS.

vacanza-mare2

Intrattenimento: gioco di squadra o solitario?
In vacanza si deve pur dedicare un po’ di tempo al gioco, e non solo in acqua: giochi di strategia, rompicapo, cruciverba, o persino un solitario. Tra i giochi degli ultimi due anni, Clash Royale sembra essere ancora al vertice dei giochi per dispositivi mobili, soprattutto dopo l’ultima novità della guerra tra clan, introdotta con l’aggiornamento dello scorso aprile. Sviluppato solo nel 2016 dall’azienda finlandese Supercell, il mondo di Clash ha riscosso molto successo tra i giocatori, maturando un fatturato di circa 2 miliardi di dollari l’anno.

Anche i giochi di carte possono rappresentare un diversivo per trascorrere il tempo in spiaggia, tanto con un mazzo di carte quanto con un’app su smartphone, che può rendere lo schermo un vero e proprio tavolo da gioco per classici della tradizione italiana, come La Scopa o Scala 40, fino ai tipici giochi da casinò, come il poker e il blackjack. Anche i giochi tradizionali rimangono tra i passatempi preferiti degli italiani in spiaggia, nel 2018 però li troviamo sullo smartphone: per esempio la versione mobile di Betway Casino dispone di poker meno conosciuti come Deuces Wild, dalle regole stravolte. Infatti, i 2 del mazzo sono Jolly e si vince con almeno un tris. Grazie alla tecnologia HTML5, è inoltre possibile accedere alla piattaforma di gioco anche con un qualsiasi browser, senza scaricare nessun software aggiuntivo.

Imparare le lingue giocando con lo smartphone

vacanza-mare

Proprio così: lo smartphone può essere utile anche per imparare una nuova lingua o per cimentarsi in un tandem linguistico, anche in vacanza, se chiacchierare con i turisti provoca un certo imbarazzo. Oltre alle lingue europee più note, l’app Memrise, ad esempio, permette di avvicinarsi anche a lingue asiatiche, come il cinese o il giapponese, o ad una lingua regionale come il tamil. Il percorso di studio è diviso in moduli tematici, ognuno dei quali comprensivo di test finale e di una modalità di Revisione Veloce per rivedere quanto appreso in precedenza.

Se si ha già una competenza base in una lingua straniera e si è alla ricerca di un partner linguistico, invece, app come Hello Talk mettono a disposizione più di 10 milioni di membri con cui chattare, per un totale di 150 lingue da praticare. Grazie ai filtri di ricerca è possibile selezionare il partner linguistico in base ai suoi interessi, la lingua madre o la vicinanza alla propria città; in più, è possibile condividere aggiornamenti o dubbi con la comunità per ricevere un feedback dagli altri utenti.

Che sia leggere, chiacchierare o giocare, non c’è niente che non si possa fare con uno smartphone!

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it