Intrappolata nella plastica, tre persone salvano una tartaruga da morte certa

Redazione

Cronaca - Lascari

Intrappolata nella plastica, tre persone salvano una tartaruga da morte certa
L'episodio è avvenuto nel tratto di spiaggia compreso tra il lido Salinelle e il lido Gorgo lungo

Intrappolata nella plastica, tre persone salvano una tartaruga da morte certa

07 Agosto 2020 - 18:17

Era destinata a morte certa. Per fortuna nel destino di una tartaruga c’erano tre persone che l’hanno salvata. L’episodio è avvenuto ieri intorno alle 14 sulla costa di Lascari, nel tratto di spiaggia compreso tra il lido Salinelle e il lido Gorgo lungo. Era in corso un’ intensa mareggiata di maestrale. Due giovani donne in spiaggia Moira e Alessia Biscari e Alí del Bangladesh si accorgono che le onde hanno portato a riva un groviglio di plastica in cui è avvolta una tartaruga marina.

Nonostante le onde che l’hanno sbattuta sulla battigia e la plastica che rischiava di farla soffocare la tartaruga era ancora viva, ma doveva essere immediatamente liberata dalla plastica che avvolgeva le zampe, il carapace e perfino la testa. All’inizio è risultato complicato riuscire a togliere alcune lenze da pesca attorcigliate attorno alle zampe. Con qualche semplice attrezzo si è riusciti a liberarla quasi del tutto. Rimaneva infatti della plastica nella bocca dell’animale che non è stato possibile togliere e che avrà probabilmente ingerito. Subito ci si è attivati per avvertire la guardia costiera del comando di Cefalù a cui sono state fornite tutte le indicazioni per raggiungere nel più breve tempo possibile il luogo.

È stato contattato anche il responsabile del progetto tartarughe del Wwf che già qualche anno fa era intervenuto nella spiaggia di Lascari per una sospetta deposizione di uova di un’altra tartaruga marina. Il responsabile del Wwf ha fornito le indicazioni fondamentali per mettere l’animale in sicurezza durante l’attesa dell’intervento della capitaneria di porto. Grazie alle indicazioni fornite l’animale, evidentemente sofferente, è stato spostato in un posto ombreggiato. Lì si è provveduto a mantenere idratato il carapace e la testa dell’animale evitando però che la troppa acqua potesse rischiare di affogarla.

L’attesa non è stata lunga. Gli addetti della capitaneria di porto hanno caricato l’animale su un loro mezzo e l’hanno presa in consegna allertando anche l’istituto zooprofilattico sperimentale di Palermo che si occuparà delle cure all’animale. Dopo qualche ora dal prelievo, la guardia costiera ha avvisato che la tartaruga era arrivata a destinazione a Palermo, ma attualmente non si conoscono ulteriori dettagli sulle condizioni dell’animale e sull’esito dei trattamenti che dovrebbero essere fatti. Sarà infatti il Cretam, il centro per il recupero delle tartarughe marine dell’Isz della Sicilia ad occuparsi della diagnosi e della cura dell’animale ormai al limite dell’estinzione nelle acque territoriali italiane.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it