I ristoratori di Cefalù dicono no all’iniziativa “Io apro”

Redazione

Cronaca - Coronavirus

I ristoratori di Cefalù dicono no all’iniziativa “Io apro”
"Chi aprirà oggi - affermano i ristoratori - commetterà, oltre che un reato, anche un'enorme mancanza di rispetto verso la categoria"

I ristoratori di Cefalù dicono no all’iniziativa “Io apro”

15 Gennaio 2021 - 12:26

Un no forte e deciso da parte dell’associazione dei ristoratori di Cefalù nei confronti dell’iniziativa populista “io apro” attraverso la quale, proprio oggi, sembra che centinaia di ristoratori dovrebbero riaprire al pubblico le loro attività per poi mantenerle aperte anche nei prossimi giorni. Una iniziativa ovviamente illegale ed apertamente in contrasto con le disposizioni assunte dal Governo per contrastare la pandemia.

“Sono comprensibili le ragioni alla base della contestazione di chi annuncia le aperture forzate di ristoranti, esercizi pubblici e altre strutture in violazione dei decreti e delle norme, ma non è con l’illegalità che spereremo questo momento di crisi ma, bensì sconfiggendo il virus” afferma in una nota Giuseppe Provenza, presidente dell’Associazione Ristoratori Cefalù ho.re.ca.

“L’emergenza Coronavirus sta generando una grave crisi in tutto il comparto della ristorazione, del commercio e di tutto il turismo, rischiando un crollo a catena con pesantissimi impatti sull’economia, ma questo non si può tradurre in una sfida alle istituzioni con la violazione delle norme previste per contenere la diffusione del contagio. Al contrario in un momento così complicato sono proprio questi atteggiamenti scellerati a peggiorare la situazione. E’ a causa del lassismo e dello sprezzo delle regole che la situazione di emergenza si sta protraendo oltre ogni possibile previsione” continua Provenza.

“Proprio noi Siciliani in questi giorni stiamo pagando a caro prezzo le conseguenze del nostro maldestro comportamento durate le festività natalizie, inutile negarlo. Viviamo nel Paese più bello del mondo, con una ricchezza artistica e culturale senza eguali, una storia avvincente e la cucina più amata, dove la grande varietà di paesaggi si unisce alle bellezze architettoniche. Su questo dovremmo basare la nostra rinascita – aggiunge il presidente dei ristoratori di Cefalù che aggiunge – Il turismo rappresenta più del 13% del PIL nazionale! E oggi più che mai, dobbiamo proteggere questa ricchezza, fonte di un orgoglio italiano così legato alla nostra storia, e dobbiamo pretendere che tutti rispettino le regole e sicuramente agire a protezione della salute dei cittadini, perché se i contagi non calano non apriremo più, e rimarremo “SOLI CON LA NOSTRA BELLEZZA”. Tutti credevamo di poter aprire e lavorare a Natale 2020, poi, abbiamo spostato l’asticella ad aprile 2021.

“Pensiamo di poterla spostare più avanti ? Sarebbe la fine. Dobbiamo, far recuperare coraggio al visitatore nel viaggiare e venire in Sicilia. Senza il rispetto pedissequo delle regole e uno sforzo condiviso tutto questo rimarrà un’utopia. Chi aprirà il 15 –  conclude Provenza – commetterà, oltre che un reato, anche un’enorme mancanza di rispetto verso tutta la categoria

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it