Emergenza viabilità, ieri a Caltavuturo un vertice con Calogero Foti

Redazione

Politica

Emergenza viabilità, ieri a Caltavuturo un vertice con Calogero Foti
Il direttore della Protezione Civile “allo studio nuove soluzioni”

Emergenza viabilità, ieri a Caltavuturo un vertice con Calogero Foti

18 Gennaio 2016 - 00:00

Ieri mattina a Caltavuturo, nei locali del Palazzo Bonomo, si è tenuto su richiesta del sindaco Domenico Giannopolo, l'incontro tra il Comitato Civico Emeregnza Frana, il Consiglio comunale, la delegazione dell'ufficio tecnico comunale di Caltavuturo, l'amministrazione comunale e il commissario Delegato per l'emergenza viabilità secondaria, nonché direttore del Dipartimento regionale della Protezione Civile, Ing. Calogero Foti.

Nel corso dell'incontro sono state affrontate le questioni che riguardano la viabilità in territorio di Caltavuturo a seguito della frana del 28 marzo 2015 che ha travolto la SP 24 e del successivo crollo del pilone che sorregge la carreggiata dell'autostrada A19 sul fiume Himera località Scillato.

In particolare il sindaco nella sua introduzione ha chiesto il varo di provvedimenti e iniziative concrete che affrontino da un lato l'emergenza legata al ripristino immediato dei collegamenti viari verso l'autostrada e dall'altro lato interventi per risanare la frana in contrada Favarella e la ricostruzione del tracciato della S.P. 24 che garantisce l'imbocco verso lo svincolo di Scilalto.

Contestualmente a ciò il Sindaco ha rivendicato il valore anche per i fini di protezione civile che ha avuto la mobilitazione della comunità locale nel proporre concrete soluzioni per uscire dall'isolamento compresa l'apertura della pista trazzerale provvisoria che ha garantito almeno per i mezzi leggeri il collegamento con l'autostrada, e che dalla prossima settimana sarà oggetto di intervento di sistemazione del fondo stradale a seguito dell'autorizzazione del Comune con le risorse finanziarie private derivanti dalle donazioni sin qui ricevute.

Il Commissario Foti ha esposto le soluzioni alle quali la Protezione Civile regionale sta lavorando e che consisteranno nell'apertura di una pista provvisoria sul corpo della frana per riconnettere provvisoriamente i tronconi di strada provinciale franata.

Questo intervento dovrebbe essere realizzato entro una trentina di giorni garantendo in via del tutto provvisoria in tal modo il transito anche ai mezzi pesanti.

L'altro intervento sarà la progettazione e realizzazione di un ponte su due campate che ripristinerà definitivamente il tratto di SP 24 franata. Questo intervento sarà preceduto da misure di stabilizzazione e risanamento della corona in alto della frana.

Il Commissario Foti ha altresì affermato che avrebbe proposto nella riunione del prossimo mercoledì con il Dipartimento infrastrutture, di non realizzare la bretella dell'Anas in quanto a quel punto superflua stante il valore di via di fuga che tornerebbe ad avere la S.P. 24 così ripristinata.

Proprio in questo quadro il Commissario Foti avrebbe proposto anche la realizzazione della circonvallazione di Caltavuturo per evitare il traffico pesante dentro il centro abitato in occasione delle interruzioni sull'A19 nel tratto Tremonzelli – Scillato con la conseguente deviazione del traffico sulla ss120 in direzione Caltavuturo.

Il Sindaco Domenico Giannopolo a conclusione ha chiesto di aggiornarsi tra due mesi esatti per valutare lo stato di attuazione degli interventi proposti anche con riferimento alla possibilità in caso di rallentamenti della realizzazione della pista provvisoria sul corpo di frana, di completare l'intervento sulla trazzera con la realizzazione, a seguire, dell'attraversamento del fiume Himera e del ricongiungimento con lo svincolo di Scillato. 

Altre notizie su madoniepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it