Elezioni amministrative, ad un mese dal voto ecco chi scende in campo nelle Madonie

Michele Ferraro

Politica

Elezioni amministrative, ad un mese dal voto ecco chi scende in campo nelle Madonie

Elezioni amministrative, ad un mese dal voto ecco chi scende in campo nelle Madonie
10 Maggio 2018 - 14:01

Ad un mese dalle prossime elezioni amministrative il quadro delle forze in campo nei 9 comuni del comprensorio che andranno al voto si fa decisamente più chiaro.

A Campofelice di Roccella l’amministrazione uscente punta su Michela Taravella, a campo della lista “SiAmo Campofelice”, big sponsor del progetto son gli ex sindaci Franco Vasta e Massimo Battaglia. In campo anche due pezzi da novanta come Giulio Giardina, Giuseppe Pedalino, entrambi in corsa per il Consiglio comunale. In lista fra gli altri anche Myriam Venturella, Francesco Quagliana, Massimo La Rocca e Rosalia Venturella. Domani nel corso di un incontro pubblico verranno ufficializzati i nomi degli altri candidati e dei tre assessori designati. A sfidare la lista sostenuta dall’amministrazione uscente ci sarà l’ex deputato regionale Peppuccio Di Maggio, promotore e leader della lista “Uniti per l’Avvenire”. Al suo financo correranno diversi volti noti della politica e della società campofelicese, fra questi Giovanni Allegra, Pinella Ingrao e Gaspare Re. Campofelice di Roccella è poi l’unico comune del comprensorio nel quale si presenterà una lista del Movimento 5 Stelle, guidata dal candidato sindaco Calcedonio Scacciaferro.

La nosta di “SiAmo Campofelice”: La nostra lista non si pone in continuità rispetto all’operato dell’amministrazione uscente. Siamo lieti di avere in squadra soggetti politici di indiscutibile valore che hanno fatto parte di quell’esperienza ma il nostro è un progetto nuovo che guarda al futuro e che può contare, oltre che sull’entusiasmo di tanti giovani, anche sull’esperienza e la competenza di chi in passato ha già amministrato il nostro comune come l’ex sindaco Antonio Felice Dolce.    

Tutto delineato anche a Collesano. Anche qui sarà corsa a tre per la carica di sindaco: Giovanni Meli, con la lista “Prima di Tutto Collesano”, Michele Iannello con la lista “Un’altra storia per Collesano” e Vincenzo Sabatino con la lista “Nuova Proposta per Collesano”. Sembra ormai tramontata, per sua stessa ammissione, l’ipotesi di una candidatura dell’attuale commissario straordinario Domenico Mastrolembo Ventura (leggi qui). Meli ha stretto un’alleanza con Antonino Guzzio, ex candidato sindaco alle scorse amministrative mentre Sabatino è sostenuto da un gruppo nel quale figurano anche l’ex sindaco Rotondi e Michele Testaiuti. Ianello ha incassato il sostegno dell’ex presidente del consiglio Pino Sapienza e dell’ex segretario del PD Angelo Gargano.

A Geraci Luigi Iuppa, vice segretario del Comune di Gangi, proverà a dare continuità all’azione amministrativa portata avanti negli ultimi 10 anni dal sindaco uscente Bartolo Vienna, suo big sponsor. Il nome scelto per la lista è “Geraci Bene Comune”. Dall’altro lato il giovane Gaetano Scancarello, laureato in scienze della difesa e della sicurezza e specializzando in scienze dell’amministrazione pubblica e privata. Correrà con il simbolo “UniAmo Geraci” che propone un radicale cambiamento generazionale. Al fianco di Scancarello si sono schierati numerosi consiglieri comunali uscenti, nessuno dei quali però sarà, a quanto sembra, sarà ricandidato proprio per dare seguito alla linea nuova tracciata dalla lista.

Clima incandescente a Cerda, nel comune madonita sotto l’occhio del ciclone per le connivenze, sulle quali ancora si indaga, fra mafia ed ambienti politici. A 5 giorni dal termine ultimo per il deposito delle liste sembra che si vada verso tre candidature, di certo scenderà in campo l’ex presidente del consiglio comunale Salvatore Geraci, ma a quanto sembra saranno della partita anche Salvatore Cicero e Mario Cappadonia.

Ad Alimena torna in campo Giuseppe Scrivano. L’ex sindaco era rimasto coinvolto nell’ambito dell’operazione antimafia “Argo”, ma lo scorso anno la sua posizione è stata stralciata dalla Procura ed il processo a suo carico è ripartito dall’udienza preliminare. Scrivano ha sempre goduto di un significativo consenso elettorale in paese e torna alla carica con la lista “Alimena nel cuore” L’altro candidato è il sindacalista Salvatore Scelfo che già da tempo aveva annunciato la sua candidatura anche se ancora non sono stati ufficializzati il nome ed il simbolo della lista a suo sostegno che, comunque, trova l’appoggio di buona parte dell’amministrazione uscente guidata da Alvise Stracci.

A Montemaggiore torna a candidarsi Antonio Mesi, già candidato sindaco alle amministrative del 2013 con la lista “Vivi Montemaggiore” che in questi anni è stata all’opposizione dell’amministrazione guidata da Porretto ed adesso si ripresenta compatta con lo stesso simbolo. A lavoro ci sono altri due schieramenti, uno con a capo l’ex sindaco Pino Scaccia, alleatosi con alcuni consiglieri comunali uscenti del gruppo di maggioranza e l’altro sostanzialmente composto dagli assessori e da parte del gruppo consiliare che in questi anni ha sostenuto l’attuale amministrazione.

A Sciara sarà sfida fra Vincenzo Passafiume e Roberto Baragona, non sono ancora stati resi noti i nomi delle liste mentre a Gratteri l’unica lista ad oggi in campo è quella guidata dall’avvocato Giuseppe Muffoletto. A meno di novità dell’ultima ora l’unico avversario dell’ex sindaco gratterese sarà il quorum.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it