Alimena, il sindaco Scrivano e l’incontro con il boss: “Ma non sapevo chi fosse”

Redazione

Cronaca

Alimena, il sindaco Scrivano e l’incontro con il boss: “Ma non sapevo chi fosse”

Alimena, il sindaco Scrivano e l’incontro con il boss: “Ma non sapevo chi fosse”
14 Dicembre 2018 - 14:05

“Sono rimasto scioccato”. Così diceva il sindaco di Alimena Giuseppe Scrivano intercettato e accusato di avere pagato il sostegno elettorale della mafia. Il reato di voto di scambio politico mafioso gli è stato contestato in concorso con Michelangelo Lesto. Fu Lesto ad organizzare l’incontro elettorale a cui partecipò anche Carmelo Bartolone, boss di Bagheria. Ieri Scrivano è stato ascoltato dal pubblico ministero Francesca Mazzocco e del presidente del Tribunale, Fabrizio La Cascia. Spiega che lo choc nasceva dal fatto di “avere trovato tanta gente alle 10 del mattino al comitato elettorale. Mi ero solo complimentato con il signor Lesto”. Lui, così racconta il sindaco in aula, non aveva idea di chi fosse Bartolone. Eppure – il pm sollecita la sua memoria leggendogli stralci di intercettazioni – Scrivano diceva che “non tutti possono fare certe cose”. Oggi spiega: “Parlavo di capacità personali non quelle che si vuole intendere”. Capacità di raccogliere il consenso che si può avere senza essere mafiosi. Basta gestire un “patronato” dice Scrivano. “Bartolone aveva un patronato che lei sappia?”, chiede il pm.

Lo scorso ottobre la Corte d’appello ha condannato Carmelo Bartolone (13 anni), Pietro Granà (10 anni), Michelangelo Lesto (7 anni), Settimo Montesanto (tre anni e quattro mesi contro i 4 anni del primo grado perché è caduta l’aggravante mafiosa), Giacinto Tutino (5 anni). Scrivano incontrava Bartolone, ma non aveva idea di chi fosse. E cioè un boss che ha rischiato di morire. La sera del 10 settembre del 2015 arrivò all’ospedale Civico di Palermo. La lombosciatalgia di cui disse di soffrire era un pretesto per chiudere la sua breve latitanza, iniziata pochi mesi prima quando i carabinieri scoprirono che si era allontanato da casa. Bartolone era sottoposto alla sorveglianza speciale dopo avere finito di scontare sette anni e mezzo di carcere per mafia. Era uno dei fiancheggiatori di Bernardo Provenzano, condannato al processo “Grande mandamento”. Bartolone si era dato alla macchia per evitare i proiettili. Gli contestavano la gestione sbagliata dei soldi della mafia.

Fonte Livesicilia.it

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it