La nuova vita dell’ex boss di Cerda: dal carcere al profilo su Facebook

Redazione

Cronaca - Il caso

La nuova vita dell’ex boss di Cerda: dal carcere al profilo su Facebook
Pino Rizzo torna libero dopo 17 anni di prigione. E subito ha aperto un suo prifilo sui social

La nuova vita dell’ex boss di Cerda: dal carcere al profilo su Facebook

12 Agosto 2019 - 10:31

Il boss di Cerda Pino Rizzo torna libero dopo 17 anni di prigione. E subito ha aperto un suo profilo Facebook. Tra i primi post anche una dichiarazione di amore per i figli: “Tantissimi auguri a tutti i Giuseppe, a uno in particolare, e tutti i papà, me compreso che papà lo sono per tre volte. Vi amo più della mia stessa vita”.

Pino Rizzo è un nome molto conosciuto negli ambienti di cosa nostra. Un passato da luogotenente di Nino Giuffrè, capomafia di Cerda, non si è mai pentito. Oggi è un uomo libero, dopo aver trascorso 17 anni in prigione, dove ha scontato una condanna per associazione mafiosa. Ha 51 anni e vive con una donna a Campofelice di Roccella ed ha aperto pure un profilo su Facebook, dal quale lo scorso 19 marzo (in occasione della festa del papà) ha lanciato una dichiarazione d’amore ai suoi tre figli.

Un tentativo di “riconquistare” i figli, che hanno cambiato vita e nome perché hanno condiviso la scelta della madre, Carmela Iuculano, di diventare collaboratrice di giustizia. I figli dell’ex boss mafioso – scrive il Giornale di Sicilia –  avevano cercato più volte di convincerlo ad ammettere le sue colpe e a collaborare con la giustizia, seguendo la strada intrapresa dalla madre. Netto il rifiuto dell’uomo: “Non è possibile, papà è nato per fare questo, vi dovete rassegnare”. E la stessa moglie di Rizzo, durante un processo, ha raccontato di averlo supplicato più volte: “Gli avevo proposto di lasciare la Sicilia, di cambiare vita, ma lui diceva che non poteva, che aveva paura di essere ammazzato”.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it