Traffico di cocaina dall’Argentina, nella banda anche un allenatore di Termini

Redazione

Cronaca - Palermo

Traffico di cocaina dall’Argentina, nella banda anche un allenatore di Termini
Nell'ambito del blitz 'Green finger' che ha portato all'arresto di 23 persone

Traffico di cocaina dall’Argentina, nella banda anche un allenatore di Termini

01 Ottobre 2019 - 20:06

C’era anche un allenatore di calcio tra i corrieri reclutati dall’organizzazione dedita al traffico di cocaina dall’Argentina capeggiata da Salvatore Drago Ferrante e sgominata all’alba dalla polizia nell’ambito del blitz Green finger che ha portato all’arresto di 23 persone. A reclutare i corrieri che avrebbero dovuto fare la spola dal Sudamerica a Palermo era Tommaso Lo Verso, 41 anni, finito in carcere. Fu lui a ingaggiare Calogero Rio di Termini Imerese, detto ‘mister’ perché “allenava una squadra di ragazzini”, dice un collaboratore di giustizia che con le sue dichiarazioni ha fornito agli investigatori importanti riscontri.

Il viaggio da Palermo a Buenos Aires avrebbe dovuto fruttare al gruppo un’ingente partita di droga. C’erano da investire 29 mila euro, che il mister con un passato da giocatore in squadre di Promozione, Eccellenza e Serie D, aveva portato con sé avvolte in un paio di mutande. L’affare, però, non andò a buon fine nonostante il pagamento della somma pattuita e il mister tornò in Italia a mani vuote. Finanziatore e regista dell’operazione, annota il Gip nell’ordinanza, è ancora una volta Salvatore Drago Ferrante. Un curriculum criminale di tutto rispetto, vicino alla famiglia mafiosa di Brancaccio quando era guidata da Giuseppe Guttadauro. Dopo un breve periodo di latitanza Drago Ferrante venne arrestato nell’ottobre del 2005. Nel marzo del 2015 il Tribunale di sorveglianza gli concesse gli arresti domiciliari a Bagheria, da dove aveva ripreso le redini dell’organizzazione.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it