No Ecox, la proposta di Angelo Cascino: “fermiamoci tutti per un’ora”

Michele Ferraro

Cronaca - Termini Imerese

No Ecox, la proposta di Angelo Cascino: “fermiamoci tutti per un’ora”
L'appello dell'imprenditore termitano è rivolto a tutti: associazioni locali, imprenditori, associazioni di categoria, sindacati ed anche alle Scuole

No Ecox, la proposta di Angelo Cascino: “fermiamoci tutti per un’ora”

09 Novembre 2019 - 18:10

Bloccare per un’ora tutte le attività di Termini Imerese, questa la proposta lanciata su facebook dall’imprenditore termitano Angelo Cascino per rafforzare ulteriormente la protesta in corso in questi giorni contro ECOX, l’impianto di compostaggio attivato nell’area industriale di Termini Imerese. Qui, dallo scorso mese di agosto, la Gm srl smaltisce rifiuti organici per la produzione degli ammendanti utilizzati per la fertilizzazione dei terreni agricoli. La lavorazione produce emissioni odorigene molto forti che si estendono per tutta l’area dell’agglomerato industriale e della vicina autostrada.

La presenza, da sempre molto contestata di Ecox suscita la viva preoccupazione dei termitani che hanno anche protestato questa mattina davanti lo stabilimento. Intanto arriva sui social la proposta dell’imprenditore Angelo Cascino, ex presidente di Sviluppo Imera e da sempre molto critico sulla vicenda Ecox.

“Proporrei a tutte le Associazioni locali, agli imprenditori, alle associazioni di categoria, ai Sindacati, alle Scuole e a tutti gli uffici pubblici e privati – scrive Cascino sul suo profilo facebook – di individuare una data in cui bloccare per un’ora tutte le attività a Termini Imerese in segno di protesta contro questo scempio chiamato ECOX. Che ne pensate?” La proposta ha subito ottenuto l’approvazione di diversi imprenditori e concittadini e c’è anche chi rilancia “non solo un’ora, se necessario anche un giorno intero”.

 

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it