Ponte Morandi ultimato in meno di due anni; viadotto Himera chiuso da 5 anni

Roberto Chifari

Senza categoria - Il paradosso

Ponte Morandi ultimato in meno di due anni; viadotto Himera chiuso da 5 anni
Ma l'Anas continua a dire che sarà rispettata la consegna di aprile 2020

Ponte Morandi ultimato in meno di due anni; viadotto Himera chiuso da 5 anni

19 Febbraio 2020 - 14:44

Il ponte Morandi è crollato 18 mesi fa in un ferragosto di pioggia. Una tragedia umana, la sua caduta ha spaccato in due Genova e la Liguria. Il viadotto Himera sulla A19 Palermo-Catania ha spezzato in due l’economia di un’intera isola e fortunatamente non ha fatto vittime. Eppure quei 180 metri di viadotto sono caduti nell’aprile del 2015, ovvero cinque anni fa. Troppo tempo per attendere una ricostruzione che fino ad adesso è solo nelle parole dei ministri che in questi ultimi anni si sono succeduti al Mit.

A Genova oggi è terminata la costruzione dell’ultima delle 18 maxi pile del nuovo viadotto sul Polcevera. Le strutture in cemento armato da 40 metri di altezza sorreggeranno l’infrastruttura che sostituirà il ponte Morandi. La prima fondazione è iniziata il 24 giugno 2019 e, tra sottofondazioni, fondazioni ed elevazioni, si è arrivati a realizzare in media 3 pile al mese. Sono dieci le campate già issate e dopo il varo del primo dei tre maxi impalcati da 100 metri e quello della quarta campata a levante, la parte di ponte già visibile misura ormai 550 metri, superando la metà della lunghezza complessiva di 1067 metri.

A Scillato nel palermitano, la ricostruzione è ferma. Dopo il rinvio da ottobre scorso ad aprile di quest’anno le ulteriori difficoltà manifestate non comporteranno – dicono dall’Anas – nessun nuovo rinvio. In una nota dello scorso 26 gennaio, Anas ha voluto precisare con fermezza che la dead line per la consegna dei lavori sarà rispettata e sarà per il prossimo aprile.  Non resta che attendere, anche se gli automobilisti lamentano il fatto che nel cantiere non c’è nessuno e la preoccupazione è che la ricostruzione sia l’ennesimo cantiere prima bloccato, poi sospeso e infine abbandonato.

L’Anas è già al centro di polemiche per la chiusura di un altro viadotto della stessa A19, quello Cannatello dopo Ponte Cinque Archi che ha causato disagi, proteste e un nuovo scontro col governatore Nello Musumeci, torna a ribadire il rispetto dei tempi e l’apertura a fine aprile. L’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone ha incontrato i vertici Anas più volte in queste settimane. “La Sicilia e l’intero Mezzogiorno – dice Falcone – chiedono a gran voce non solo fondi per le infrastrutture, ma anche e soprattutto norme che snelliscano i complicati iter procedurali per realizzare un’opera così come sta avvenendo, ad esempio, per la ricostruzione del ponte di Genova. È arrivato il momento che ciascuno faccia la propria parte”. Non resta che attendere aprile.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it