Federica, infermiera a Torino: “Ho preso il virus, il mio pensiero va ai colleghi”

Redazione

Cronaca - Castelbuono

Federica, infermiera a Torino: “Ho preso il virus, il mio pensiero va ai colleghi”
Da Castelbuono a Torino per andare incontro alla sua missione, la lettera dell'infermiera positiva al coronavirus

Federica, infermiera a Torino: “Ho preso il virus, il mio pensiero va ai colleghi”

23 Marzo 2020 - 10:33
Federica Lamonica è un’infermiera castelbuonese che lavora in un ospedale torinese. In un post su facebook pubblicato ieri sera, dichiarando tutto il suo amore per la professione che svolge, ha comunicato di aver contratto il coronavirus, con ogni probabilità durante le lunghe ore di lavoro. Ora si trova in quarantena, nella sua casa di Torino, da dove ha scritto straordinarie parole che meritano di essere lette
“Sono infermiera.
Non sono un eroe.
Faccio il mio lavoro, come tutti i miei colleghi, con professionalità e passione, un lavoro che è un rischio quotidiano che può danneggiare la salute in ogni suo aspetto, che ti può far rientrare a casa con le lacrime agli occhi, il cuore in subbuglio e le ossa rotte. Il coronavirus ha fatto sì che gli ausiliari del medico, i trita pastiglie e togli flebo diventassero eroi. Grazie, prego, ecco finalmente.
No, niente di tutto questo. Risposte, diritti, revisione della contrattazione nazionale, dignità professionale, possibilità di progressione di carriera, rispetto. Oggi e da oggi in poi… fino a ieri soprassediamo.
Sono stata sottoposta al tampone rino-faringeo, per quanto mi riguarda quel bastoncino nel naso è stato il fastidio fisico più grande che questo virus che sta bloccando intere nazioni mi ha causato. Ebbene sì, l’esito è positivo.
Sono in quarantena, a casa a Torino. È inutile dirvi che mi annoio da morire. Inoltre, il pensiero che i miei colleghi in corsia, in PS, sul territorio stanno davvero facendo fatica ad andare avanti per riuscire a garantire un livello di assistenza che sia quantomeno dignitoso per le persone assistite. Perché ricordiamocelo… dietro i numeri, le statistiche, “la curva” ci sono le persone, persone che stanno male e che muoiono, giovani o anziani che siano, pluripatologici o meno, persone.
Ps:Per gli amici castelbuonesi, sono a Torino non vengo in paese da mesi e purtroppo chissà quando potrò tornarci.
Pps: Con il cuore vicino a tutti i colleghi infermieri, medici, oss, tecnici, soccorritori che stanno vivendo questo dramma sulla loro divisa, ogni giorno, e che non dimentichiamoci.. hanno delle vite fuori da quelle corsie. Genitori, figli, compagni, amici i quali vivono anch’essi le paure e le ansie date dalla circostanza. Non vi ripeto il solito mantra dello stare a casa, nella speranza che lo abbiate fatto ben vostro.
Con amore,
Fede, infermiera che non farebbe null’altro nella vita se non l’infermiera

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it