23 Maggio, l’Istituto Polizzano celebra Falcone e le altre vittime della strage

Redazione

Eventi - Gangi

23 Maggio, l’Istituto Polizzano celebra Falcone e le altre vittime della strage
Incontro in video conferenza del Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze con il sindaco, il commissario e l'amministrazione comunale

23 Maggio, l’Istituto Polizzano celebra Falcone e le altre vittime della strage

25 Maggio 2020 - 18:03

L’Istituto Polizzano di Gangi ricorda Giovanni Falcone e i i caduti di mafia. Il 23 maggio, nel calendario scolastico dell’Istituto,  è ormai una data segnata in rosso. La manifestazione “Palermo chiama Italia” per la scuola di Gangi è un appuntamento irrinunciabile. Anche quest’anno nonostante le restrizioni la scuola non ha voluto mancare all’appuntamento organizzando le celebrazioni in modo diverso dal passato. Vista l’impossibilità di dare vita a cortei e raduni è stata l’iniziativa IL MIO BALCONE E’ UNA PIAZZA  a coinvolgere gli alunni e i cittadini che hanno appeso un lenzuolo bianco e striscioni al balcone facendo sentire la presenza e l’unità in varie forme, esprimendo un pensiero di gratitudine a chi, nella lotta alla mafia, o nella dura battaglia contro la pandemia, ha fatto la propria parte.

In video conferenza si è riunito in seduta congiunta il Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi, con la baby Giunta ed il mini Sindaco, con Sindaco Francesco Migliazzo e l’amministrazione tutta nonché col Commissario Impastato per una breve riflessione sulla giornata. Alle ore 17:58 dal proprio balcone tutti hanno potuto cantare l’inno di Mameli diffuso per tutto il paese. Per l’occasione sono state anche fatte delle riprese che i ragazzi utilizzeranno per ricordare questo particolare momento, per commemorare chi si è immolato nella lotta contro i mafia oltre a riaffermare un modo di essere e sentirsi Comunità.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it