All’Ospedale di Petralia Sottana 100 posti Covid. Il commento dei sindaci

Redazione

Cronaca - Vertice con i sindaci

All’Ospedale di Petralia Sottana 100 posti Covid. Il commento dei sindaci
L'Ospedale di Petralia non sospenderà le attività dei reparti, come previsto in una prima ipotesi. Soddisfatti i sindaci

All’Ospedale di Petralia Sottana 100 posti Covid. Il commento dei sindaci

14 Ottobre 2020 - 16:19

Aggiornamento del 15 ottobre 2020: Ieri la nostra redazione aveva dato la notizia del raggiunto accordo, fra i sindaci del distretto sanitario di Petralia Sottana ed i vertici della Regione Siciliana e dell’ASP di Palermo, sulla realizzazione all’Ospedale di Petralia di un mega reparto Covid con 100 posti letto. Oggi il comunicato congiunto diramato dalla presidenza della Regione con il commento dei sindaci. Per gli amministratori del territorio, quindi “la creazione dei 100 posti Covid non solo non comporterà disagi per la comunità, ma potrà rappresentare una occasione di riqualificazione della  struttura  poiché gli  investimenti sull’ospedale sono notevoli e, al termine dell’emergenza, resteranno in dotazione per erogare prestazioni specialistiche di livello regionale e non solo. Una possibilità di rilancio, quindi, sia per la tutela del diritto alla salute dei residenti sia un “attrattore di sicurezza” in un territorio di pregio che punta, tra l’altro, sul turismo del benessere come settore di sviluppo delle Madonie, così come di recente sottolineato nel forum promosso nei giorni scorsi a Catania dal Cefpass e da The European Home Ambrosetti”.

 

Si è concluso da poco il vertice fra i sindaci del distretto sanitario di Petralia Sottana, l’assessorato regionale alla Salute, l’Asp di Palermo ed il commissario per l’emergenza Covid – 19 Renato Costa. E’ atteso in giornata un comunicato stampa congiunto fra tutti i soggetti presenti all’incontro ma la nostra redazione è in grado già adesso di anticipare che è stato trovato l’accordo. L’Ospedale di Petralia non sospenderà le attività dei reparti, come previsto in una prima ipotesi  (leggi qui) che individuava Madonna dell’Alto come ospedale da dedicare esclusivamente ai pazienti covid. Si è scelta quindi la via dell’ospedale misto, con 100 posti letto dedicati ai pazienti covid-19 da un canto ed il mantenimento dell’attività non solo del pronto soccorso e del poliambulatorio ma anche dei reparti e dei servizi ad oggi attivi: medicina, chirurgia, il servizio di ginecologia, la riabilitazione e l’Rsa che, come anticipato nell’articolo pubblicato ieri, verrà probabilmente trasferita nell’ospedale vecchio.

Seguiranno aggiornamenti.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it