“La Regione siciliana acquisti in fretta il marchio Targa Florio”

Redazione

Regione - La lettera

“La Regione siciliana acquisti in fretta il marchio Targa Florio”
Un acquisto che permetterebbe un progetto di tutela, valorizzazione e promozione del marchio

“La Regione siciliana acquisti in fretta il marchio Targa Florio”

25 Marzo 2021 - 09:03

Una lunga lettera firmata da vari esponenti politici della comunità madonita per chiedere alla Regione siciliana di attivarsi in tempi rapidi per acquistare il marchio Targa Florio. Un acquisto che, come si legge nella lettera, sarebbe funzionale alla volontà di contribuire all’elaborazione di un progetto di tutela, valorizzazione e promozione del valore materiale ed immateriale del marchio, nonché delle straordinarie prerogative sportive e culturali che il brand porta con se. Tale motivo di orgoglio e di impegno politico trasversale, ha prodotto negli anni iniziative di varia natura, anche istituzionale, finalizzate a garantire che la competizione sportiva automobilistica più antica del mondo, restasse patrimonio storico culturale della nostra terra.

L’articolo 23 della legge regionale numero 9 del 2018 ha dichiarato la manifestazione automobilistica “Targa Florio” patrimonio storico-culturale della Regione siciliana unitamente ai circuiti storici piccolo (72 chilometri), medio (108 chilometri) e grande (148 chilometri) ed alle antiche tribune di Floriopoli quale riconoscimento per il contributo dato dalla Targa Florio alla positiva diffusione dell’immagine della Sicilia nel mondo. E tenendo bene a mente che il 26 giugno 2009, la manifestazione Targa Florio è stata iscritta nel Registro delle Eredità Immateriali della Regione Siciliana al numero 129 del libro delle celebrazioni, e che il Brand Targa Florio riveste interesse culturale particolarmente importante in quanto elemento fondante identitario della comunità e del territorio siciliano.

Ora, nell’attesa dell’attuazione del Decreto numero 2313 del 27 luglio 2020 del Dirigente del Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, la Segreteria Regionale ed il Gruppo Ars del Partito Democratico hanno condiviso la richiesta di presentare un emendamento a valere sulla Legge di stabilità regionale 2021/2023, proponendo -di fatto- di procedere all’acquisto del Marchio. Non sfugge a nessuno, infatti, quali significative potenzialità sul piano socio-economico, potrebbero derivare dall’avvio di un progetto serio di tutela, di valorizzazione e di promozione della Targa Florio in tutte le sue declinazioni, con ricadute di varia natura certamente positive per il territorio madonita, per la Città di Palermo, per l’intera Regione Siciliana, per l’Italia nel Mondo.

La lettera invita quindi il governo regionale a manifestare in maniera chiara, netta ed inequivocabile la propria volontà in merito all’acquisto del Marchio ed all’avvio celere di un progetto di tutela, valorizzazione e promozione dello stesso; i gruppi politici presenti all’Ars ad accogliere l’emendamento, e laddove non dovessero risultare somme sufficienti, ad attivare ogni e qualsiasi procedimento necessario ad aprire un capitolo di bilancio con le somme attualmente disponibili denominato “Tutela valorizzazione e promozione Brand Targa Florio-acquisto marchio; i consigli comunali siciliani, i consigli degli enti sovra comunali, i distretti turistici, gli enti territoriali preposti alla promozione del territorio, del turismo, alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio siciliano ad attivare ogni e qualsiasi procedimento necessario ad aprire un capitolo di bilancio denominato “Contributo tutela, valorizzazione e promozione Brand Targa Florio-acquisto marchio in favore di Regione Siciliana”.

La lettera è stata firmata da Marco Guerriero (Segreteria regionale PD); Domenico Giannopolo (Capogruppo – Comune di Caltavuturo); Claudio Di Francesca (Capogruppo – Comune di Campofelice di Roccella); Giulio Giardina (Presidente Consiglio comunale – Campofelice di Roccella); Vincenzo Capuana (Segretario PD – Comune di Castelbuono); Daniela Fiandaca (Assessore e Consigliere comunale – Comune di Castellana Sicula); Giuseppina Gulino (Consigliere comunale – Comune di Castellana Sicula); Francesco Mascellino (Consigliere comunale – Comune di Castellana Sicula); Angelo Gargano (Consigliere comunale – Comune di Collesano); Marcello Catanzaro (Sindaco – Comune di Isnello); Antonio Cesare (Capogruppo – Comune di Lascari); Giovanna Cerami (Consigliere comunale – Comune di Petralia Soprana); Francesca Librizzi (Consigliere comunale – Comune di Petralia Soprana); Michele Velardi (Consigliere comunale – Comune di Petralia Soprana); Sabrina Lodico (Presidente Consiglio comunale – Comune di Petralia Sottana); Lucia Macaluso (Ass.re e Consigliere comunale – Comune di Petralia Sottana); Enzo Borgese (Consigliere comunale – Comune di Polizzi Generosa); Giovanna Curatolo (Consigliere comunale – Comune di Polizzi Generosa); Giuseppina Macaluso (Consigliere comunale – Comune di Polizzi Generosa); Nino Battaglia (Presidente Consiglio comunale – Comune di Scillato).

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it