Eccellenza A, Il Geraci convince ma non vince. Sconfitta immeritata contro la capolista

Michele Ferraro

Sport

Eccellenza A, Il Geraci convince ma non vince. Sconfitta immeritata contro la capolista

Eccellenza A, Il Geraci convince ma non vince. Sconfitta immeritata contro la capolista
27 Febbraio 2019 - 19:44

Geraci – Licata 1-2

Marcatori: pt 17’ Velardi, 43’ Cannavò; st 47’ Cannavò

Geraci: Dolenti, Arena, Bognanni, Palazzo, Prestigiacomo, Russello, Lo Bianco, Corso (48’ st Azzara), Velardi, Serio, Scilluffo (25’ st Cuccia). A disp.: Corradino, Ghachechem, De Santis, Buccafusco, Marsala, Scancarello, Scalisi. All.: Bognanni

Licata: Valenti, Chiavaro, Enea, Doda, Maltese, Cassaro, Assenzio, Sangiorgio (32’ st Rizzo), Cannavò, Convitto (48’ st Parisi), Testa (49’ st Cappello). A disp: Lauria, Battimili, Cantavenera, Pira, Keda. All.: Campanella

Arbitro: La Verde di Caltanissetta

Castellana Sicula. (*mife*) Vittoria all’ultimo giro d’orologio per la capolista Licata che, per strappare i tre punti nel campo della combattiva matricola Geraci fatica e non poco. A dirla tutta, per quasi tutti i 90 minuti di gioco è stato il Geraci a fare la partita, mettendo in serie difficoltà i ragazzi di mister Campanella. Già al primo minuto un gran tiro di Scilluffo scalda i guanti di Valenti. Al 8’ la punizione di Palazzo sfiora il palo. Al 12’ il primo pericolo per la porta di Dolenti lo procura Testa ma quando il Licata sembra finalmente desto arriva il gol del vantaggio del Geraci con un formidabile colpo di testa del giovane attaccante Velardi, sugli sviluppi di un corner. Sulle ali dell’entusiasmo i locali provano a raddoppiare, ma il tiro di Palazzo è di poco fuori. Al 22’ torna a farsi vivo il Licata con Doda che dalla distanza impegna Dolenti. 26’ tiro dai 20 metri di Scilluffo: la conclusione è potente ma non centra lo specchio della porta. L’attaccante geracese si ripete due minuti dopo, questa volta inquadra la porta ma Valenti è bravo a deviare in corner. A due minuti dalla fine del primo tempo il Licata trova il pareggio grazie al genio di Cannavò che si libera di Prestigiacomo e da fuori area sgancia un gran tiro che batte Dolenti. Il secondo tempo si apre sul segno del giallo: 4 cartellini nel giro di pochi minuti, ammoniti Cassaro, Enea e Lo Bianco e Doda. A metà della ripresa Bognanni cambia modulo, fuori la punta Scilluffo e dentro il centrocampista Cuccia. Il cambio giova al gioco del Geraci che al 76’ mette nuovamente in pericolo la porta del Licata: a portiere battuto il tiro di Serio coglie il palo interno. All’83’ torna alla carica Velardi che impegna di testa Valenti. Il Licata reagisce con capitan Maltese che sfiora il gol su corner, ottima la parata di Dolenti. All’86’ c’è ancora Serio in agguato, la sua conclusione fa venire i brividi alla retroguardia licatese, ma Maltese salva i suoi con una provvidenziale deviazione sulla traversa, quindi arriva il finale che non ti aspetti: dopo un gol annullato per fuorigioco a Testa, al secondo minuto di recupero su un cross in area si avventa il bomber Cannavò che, mettendo a segno il gol numero 24 in stagione, regala i tre punti al Licata.

LE INTERVISTE

C’è grande delusione nello spogliatoio del Geraci per una sconfitta decisamente immeritata. Ma c’è anche la soddisfazione di aver visto una squadra, al suo primo anno in Eccellenza, combattere e mettere in seria difficoltà un “marchio storico” del calcio siciliano come il Licata. “Ancora una volta abbiamo dimostrato di potercela giocate con tutti, anche con i più forti – afferma mister Angelo Bognanni – oltre al gol di Velardi nel corso del primo tempo abbiamo avuto almeno altre tre occasioni limpide ed un’unica distrazione che ci è costata il pareggio. Anche nel secondo tempo abbiamo giocato alla grande, un palo interno e una traversa ci hanno tenuto sull’1-1 per poi prendere gol al 92’. Ci fa piacere per i complimenti ricevuti dagli avversari. Di questa sconfitta che lascia tanta amarezza voglio prendere il dato positivo, se giochiamo così faremo presto i punti che ci servono per una salvezza tranquilla”. Anche il patron Francesco Giaconia esprime apprezzamento per il gioco della sua squadra “dopo un grande girone di andata in questo momento i risultati non ci danno ragione, ma continuiamo a giocare bene. La partita di oggi resterà nella storia della nostra piccola società calcistica e credo anche nella storia del Comune di Geraci. Con il coraggio di Davide abbiamo affrontato Golia e siamo arrivati ad un passo dalla vittoria. Un grazie a tutta la squadra, al mister ed allo staff tecnico. Continuiamo così”.

Anche mister Campanella ammette le difficoltà incontrare contro il Geraci: “E’ stata una partita agonisticamente tesa e nervosa. Sinceramente non abbiamo fatto una buona partita ed abbiamo rischiato di perderla, poi siamo riusciti a fare il gol con Cannavò sul finale, però voglio fare i miei complimenti al Geraci che ha fatto un’ottima prestazione. Noi dobbiamo fare meglio e riuscire a superare lo stress accumulato specie nelle ultime settimane, a causa di un campionato che, nonostante il primato, non ci dà ancora la matematica certezza della vittoria finale”

 

Risultati 24° giornata

CUS Palermo – Partinicaudace 3-1

Castellammare – Mazara 0-4

Dattilo Noir – S. Agata 1-0

Geraci – Licata 1-2

Mussomeli – Parmonval 2-1

Caccamo – Castelbuono 3-1

Marsala – Alcamo 0-2

Pro Favara – Canicattì (rinviata)

Classifica

Licata 64

Canicattì 55

S. Agat 48

Dattilo 43

Mazara 43

Parmonval 40

Pro Favara 34

Alcamo 32

Geraci 32

Mussomeli 29

Castellammare 28

Caccamo 21

Cus Palermo 20

Marsala 20

Partinicaudace 11

Castelbuono 6

Prossimo turno

Parmonval – Pro Favara

Alcamo – Castellammare

Canicattì – Cus Palermo

S. Agata – Mussomeli

Licata – Dattilo Noir

Mazara – Geraci

Partinicaudace – Caccamo

Castelbuono – Marsala

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it