Termini, una passeggiata alla scoperta degli antichi torrenti del centro storico

Redazione

Cronaca - L'iniziativa

Termini, una passeggiata alla scoperta degli antichi torrenti del centro storico
L’appuntamento è a piazza Sant'Antonio

Termini, una passeggiata alla scoperta degli antichi torrenti del centro storico

07 Ottobre 2019 - 12:52

Nell’ambito del “Progetto conoscenza” si terrà domenica 13 ottobre 2019 alle ore 9,30 una passeggiata alla scoperta degli antichi torrenti nel centro storico della città. L’appuntamento è a piazza Sant’Antonio a Termini Imerese. L’iniziativa è organizzata da BCsicilia, per la salvaguardia e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali.  Dopo la presentazione di Miriam Millonzi, presidente della sezione BCsicilia di Termini Imerese, e di Alfonso Lo Cascio, presidente Regionale BCsicilia, inizia la visita guidata dal geologo e storico locale Antonio Contino.

Il Centro storico di Termini Imerese era anticamente solcato da corsi d’acqua a regime torrentizio, alimentati da piccole sorgenti, da falde idriche in subalveo o dal regime delle piogge, veri e propri vadduna, che oggi si presentano quasi interamente canalizzati, interrati o ricoperti, declassati al ruolo di collettori fognari. Bastano però un po’ di piogge più abbondanti per fare tornare in vita, sia pure momentaneamente, questi antichi alvei. Essi, infatti, continuano a svolgere comunque la loro funzione di drenaggio delle acque piovane e, in concomitanza di eventi meteorici “eccezionali”, possono costituire un grave fattore di rischio per persone e beni. Tutta la storia della città, si interseca continuamente con la presenza di questi corsi d’acqua che, di volta in volta, hanno svolto la funzione di fossati naturali a tergo delle mura di cinta, di strade-alveo che facilitavano l’accesso ed i percorsi urbani, di siti di discarica (abusivi ed autorizzati), di aree di risulta legate ad attività antropiche di varia natura (ospedali, concerie, botteghe di artigiani etc.).

Il percorso, focalizza anche sulla stringente interconnessione tra gli antichi avvallamenti torrentizi ed vari spartiacque che li delimitavano. Questi ultimi costituirono, sin dalla nascita della città, la più antica rete viaria, formatasi del tutto spontaneamente, in relazione ai processi di modellamento del paesaggio, costituendo le principali direttrici di espansione dell’abitato (lungo alcune di esse si allinearono le necropoli romane). Antonio Contino, geologo e dottore di ricerca in Geologia (con una pionieristica tesi sulla Geologia urbana dell’abitato e della zona industriale di Termini Imerese), è autore di oltre 80 pubblicazioni scientifiche nell’ambito delle Scienze della Terra, edite su riviste internazionali o presentate in convegni nazionali ed internazionali. Per informazioni, 091 8112571, 346 8241076, terminiimerese@bcsicilia.it.

(Nella foto l’alluvione del 1965 e il torrente Barratina a Termini)

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it