La celebrazione dello Spirito Santo a Gangi durante l’anno della pandemia

Marianna Lo Pizzo

Cronaca - La celebrazione

La celebrazione dello Spirito Santo a Gangi durante l’anno della pandemia
Un sagrato con un volto nuovo. Solennità di un rito che si ripete uguale da secoli, e che viene riadattato ma non perde il suo fascino

La celebrazione dello Spirito Santo a Gangi durante l’anno della pandemia

02 Giugno 2020 - 10:33

Non ci sono assenze per un popolo che custodisce. La memoria è il tesoro delle comunità e anche l’anno della pandemia diventa possibilità. Così si è tenuta la giornata dedicata allo Spirito Santo a Gangi. Un sagrato con un volto nuovo. Solennità di un rito che si ripete sempre uguale da secoli, e che viene riadattato ma non perde il fascino dell’imponenza, della presenza.  Quattrocento sedie in ordine, le distanze assicurate, i dispenser con il disinfettante all’ingresso, i cordoni per far defluire i fedeli. Numerosi anche i pellegrini che sono giunti al Santuario dai paesi limitrofi.

Siamo tutti pellegrini dopo la quarantena, di cammini che ci sembravano conosciuti, battuti e non degni di attenzione. Ed è proprio invece l’attenzione all’essenziale, così come ribadito più volte dai due parroci Don Pino Vacca e Don Saverio Martina, ad aver riportato la centralità della festa nella preghiera. Il messaggio delle Confraternite di Gangi, le protagoniste della Solenne Processione che quest’anno non si è svolta, affidato al social e conclusivo della giornata, riassume il sentimento vivo di coloro i quali si sono recati numerosi ma sempre ordinati, rispettosi del vicino di sedia, del compagno di fila, dalle prime ore del mattino fino a sera, al Santuario.
Come ogni anno. Il vestito nuovo, la passeggiata lungo la via che porta i Santi in Processione, i bambini che si rincorrono.

Non ci sono assenze per un popolo che vive un sentimento che nasce con esso e si celebra nell’appartenenza.
“In questo giorno di festa, siamo abituati a partecipare ai “Miraculi di Santi” oggi nonostante tutte le restrizioni assistiamo ad un altro grande miracolo, quello della fede”

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it