Il corpo di una ragazza di 17 anni in un burrone, il fidanzato: “Sono stato io”

Redazione

Cronaca - Indagano i Carabinieri

Il corpo di una ragazza di 17 anni in un burrone, il fidanzato: “Sono stato io”
A portare i militari sul luogo della tragedia è stato un giovane di 19 anni che si è presentato in caserma

Il corpo di una ragazza di 17 anni in un burrone, il fidanzato: “Sono stato io”

24 Gennaio 2021 - 11:48

Orrore a Caccamo stamattina quando è stato ritrovato  in un dirupo di Monte San Calogero, nel complesso boschivo di Monte Rotondo, il cadavere carbonizzato di una ragazza di 17 anni Roberta Siragusa. E’ stato il fidanzato 19enne Pietro Morreale a indicare il posto dopo che si è presentato con il padre e l’avvocato nella caserma del paese. Sul posto il Ris dei carabinieri, i militari della Compagnia di Termini Imerese e della Stazione, oltre ai vigili del fuoco. Procede la procura di Termini Imerese e quella dei Minori di Palermo. Il giovane viene sentito insieme dal pm.

Della sparizione di Roberta si stava già occupando da ieri la procura dei minori avvisata dai carabinieri che stavano iniziando le ricerche e sentendo le persone più vicine alla ragazza. La svolta questa mattina, quando il 19enne si è presentato poco prima delle 9.30 in caserma accompagnato dai genitori e dall’avvocato difensore. Ha confessato ai militari dov’era il corpo della ragazza e li ha accompagnati sul luogo dove la 17enne è stata abbandonata quasi completamente carbonizzata. Sul posto, i carabinieri hanno avuto la conferma dell’atroce delitto. Sono intervenuti anche i vigili del fuoco per il recupero del corpo. Secondo i primi accertamenti, il cadavere sarebbe parzialmente bruciato.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it