Diocesi di Cefalù, nuovi incarichi e rotazioni nelle parrocchie madonite

Redazione

Cronaca - Le scelte del Vescovo

Diocesi di Cefalù, nuovi incarichi e rotazioni nelle parrocchie madonite
Le ha comunicate ieri in una nota il vescovo Giuseppe Marciante

Diocesi di Cefalù, nuovi incarichi e rotazioni nelle parrocchie madonite

14 Febbraio 2021 - 17:43

Nuove nomine e rotazioni nelle Parrocchie delle Madonie, a disporle e darne comunicazione è stato il vescovo di Cefalù, monsignore Giuseppe Marciante. Qui di seguito le nomine:

– Parroco della Parrocchie Maria Santissima Assunta e Madonna delle Nevi (Piano Battaglia) in Petralia Sottana: il reverendo don Giuseppe Murè.

– Amministratore parrocchiale delle Parrocchie Cristo Re e San Giuseppe (Firrarello) e Pro Rettore del Santuario Madonna dell’Olio in Blufi: il reverendo Giacomo Minutella.

Il Vescovo Giuseppe Marciante ha inoltre dato l’incarico di collaboratore parrocchiale nelle Parrocchie Maria Santissima Assunta e Madonna delle Nevi (Piano Battaglia) in Petralia Sottana:al reverendo padre Giuseppe Garofalo e collaboratore parrocchiale nelle Parrocchie San Francesco di Paola, San Giuseppe (Calcarelli) e Santissimo Crocifisso (Nociazzi) in Castellana Sicula il reverendo don Giuseppe Terranova.

Le nomine sono esecutive dalla data di ieri. Il vescovo Marcinate ha chiuso la sua comunicazione con queste parole: “Ringrazio tutti per il generoso servizio e per la disponibilità immediata a lavorare nella vigna del Signore”.

A Petralia però c’è ci non sembra entusiasta della scelta di sostituire il reverendo don Santino Scileppi dalla responsabilità della chiesa della Madonna delle Nevi di Piano Battaglia che, nonostante il trasferimento a Geraci Siculo, era rimasta sotto le sue cure.

“Dopo decenni di abbandono e di profanazione – scrive alla nostra redazione una lettrice – la chiesetta di piano battaglia  a 1600 metri sul livello del mare è rinata e tornata alla vita solo grazie all’imperitura pervicace e incessante volontà di padre Santino e della comunità di fedeli che in lui so sono riconosciuti. Con il suo umile impegno domenicale con qualsiasi condizione metereologica anche estreme ha rappresentato l’unico presidio vero sul territorio anche mettendo a repentaglio la propria incolumità e quella della madre che accudisce con amore filiale invidiabile e che lo accompagna in ogni sua attività. Grazie alla sua iniziativa a piano battaglia è arrivata in processione la statua della Madonna delle nevi cui la Chiesa è dedicata, sono tornati a celebrarsi matrimoni battesimi e per la prima volta nella storia della Chiesa almeno un centinaio di bambini ha avuto la possibilità di frequentare un percorso biennale di catechesi con le proprie famiglie a piano battaglia e di fare la prima comunione : percorso questo benedetto da sua santità Papa Francesco che ha inviato un proprio personale telegramma a supporto della bontà dell’iniziativa che d’altro canto ha contribuito nel suo piccolo  ad alimentare una microeconomia locale. La lettera si chiude con l’invito al Vescovo di tornare sui suoi passi.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it