Seconda Categoria, 90 minuti per decidere

Angelo Giordano

Sport - Calcio dilettantistico

Seconda Categoria, 90 minuti per decidere
Cerda e Soprana si giocano il campionato. Il Sottana vince ed aspetta i play off

Seconda Categoria, 90 minuti per decidere

31 Marzo 2019 - 17:26

Come era ormai prevedibile già da diversi mesi, il girone G della Seconda Categoria siciliana si deciderà negli ultimi 90 minuti. Sarà il campo di Cerda, quasi certamente, il palcoscenico dal quale verrà fuori il verdetto definitivo, visto che i locali ospiteranno un Calcarelli ancora in corsa, e dovranno soltanto vincere per sperare di arrivare davanti al Petralia Soprana, impegnato tra le mura amiche contro il Ciminna. E proprio il Petralia Soprana è stato protagonista, nel pomeriggio di ieri, dell’impresa del giorno. A Castellana Sicula, il Calcarelli aveva vinto 10 partite, pareggiandone una soltanto, e partiva quindi coi favori del pronostico dalla sua parte. Ma un super Soprana, magistralmente guidato da mister Pietro Mocciaro, è riuscito nell’impresa, ribaltando, nella ripresa, l’iniziale svantaggio di Zafonte, grazie ai gol di Scarnici, Castrogiovanni su rigore, e Gulino. I locali lamentano alcune decisioni arbitrali (le espulsioni di Calistro e del portiere Giunta, che ha scaturito il rigore del sorpasso), ma va dato atto al Petralia Soprana di aver disputato una partita, in conformità con tutto il campionato, assolutamente impeccabile. Per vincere il campionato, i ragazzi di mister Mocciaro dovranno adesso vincere e sperare che il Calcarelli non perda a Cerda. Cerda che arriva all’ultima giornata con l’entusiasmo alle stelle, con la possibilità di poter festeggiare tra le mura amiche, dopo aver fatto bottino pieno anche nell’ultima trasferta stagionale, a Valledolmo, contro un’Alia che, matematicamente, saluta la seconda categoria ed è retrocessa in terza. Lo 0-4 finale porta le firme di Mesi, Galatati, Rizzo e Cicero. Va al Petralia Sottana il match d’alta classifica contro il Corleone. Profita e Patti realizzano le due reti che consentono ai ragazzi di mister Scavuzzo di battere il Corleone e staccarlo. Per conoscere la posizione finale in classifica, serviranno al Sottana gli ultimi 90 minuti, nei quali, conti alla mano, può ancora succedere di tutto. Viva più che mai anche la lotta al titolo di capocannoniere, dal quale si è tirato fuori Vecchio del San Mauro, espulso domenica scorsa e anzitempo in vacanza viste le due giornate di squalifica. A giocarsi lo scettro di miglior realizzatore sono rimasti Guagenti del Ciminna e Di Nuovo dell’Alimena, che hanno approfittato degli impegni “soft” di fine campionato per arrotondare i rispettivi bottini. A Ciminna il San Mauro dura un tempo, poi crolla 7 a 2 con Guagenti, manco a dirlo, protagonista assoluto con un poker, che lo porta a quota 25. Leto, Arena e Urso arrotondano il bottino, e solo nel finale, Turi Martorana e Giuseppe Botindari danno un po’ di senso alla trasferta dei verdenero. L’Alimena, in casa col Lercara, va sotto 4 a 1 per via dei gol di Burgarello per il locali e Scaglione, due volte, Lo Bue e Castelli per gli ospiti, ma poi rimonta col Di Nuovo show e vince 6 a 4. Il Caltavuturo, per finire, mette il punto esclamativo al suo campionato, battendo 2 a 1 la Belsitana grazie ai gol dei soliti Tripi e Barberino (va a segno Agnello per gli ospiti) e corona una salvezza che, visto il girone d’andata, sembrava impresa assai ardua.

RISULTATI
Alia 0-4 Cerda
Alimena 6-4 Lercara
Calcarelli 1-3 Petralia Sottana
Caltavuturo 2-1 Belsitana
Ciminna 7-2 San Mauro
Petralia Sottana 2-0 Corleone

CLASSIFICA

Cerda 46
Petralia Soprana 45
Calcarelli 43
Petralia Sottana 43
Corleone 37
Ciminna 29
San Mauro 28
Lercara 26
Belsitana 18
Alimena 15
Caltavuturo 13
Alia 5

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it