Un gol in “zona Cesarini” salva il primo Gangi del dopo Perricone

Angelo Giordano

Sport - Coppa Italia Promozione

Un gol in “zona Cesarini” salva il primo Gangi del dopo Perricone
Solo un pareggio al debutto nel nuovo e bellissimo Francesco Raimondi

Un gol in “zona Cesarini” salva il primo Gangi del dopo Perricone

09 Ottobre 2019 - 19:36

ASD Gangi – Nissa 1-1

Marcatori: 6’st Camara, 44’st Patti

ASD Gangi: Fagone, Arena (28’st Bencivinni), Bevacqua, Manetta (50’st Barreca), Attinasi, Priola, Martino, Scavuzzo (46’st Orlando), Tarantino, Patti, Galletto (38’st Serio). A disposizione: Savasta,, Trapani, Venuti, Pantuso,. Allenatore : Salvo.

Nissa: Maritato, Coulibaly, Diallo, Passato, Starrantino L., Pace, Starrantino G. (40’st Di Stefano), Serrao, Tomaselli, Penalva (29’pt Camara), Sow. A disposizione: Noto, Stagnitto, Diaby, Lauricella, Kouroma, Lo Cicero. Allenatore : Di Matteo.

Arbitro: Buzzone da Enna

Un fortunoso gol all’ultimo respiro salva il primo Gangi post Perricone, che al nuovo, stupendo, stadio Raimondi, pareggia 1 a 1 contro il Nissa. Mister Salvo deve fare i conti con l’assenza per infortunio di sette pedine, e schiera Tarantino, Martino e Patti a ridosso di Galletto, affidando a Manetta e Scavuzzo le chiavi del centrocampo. Davanti a Fagone giocano, da destra verso sinistra, Arena, Attinasi, Priola e Bevacqua. Gli ospiti si rendono pericolosi già alle primissime battute, e serve un immenso Fagone per negare il vantaggio prima a Sow, che si vede respingere, da pochi passi, la conclusione ben indirizzata all’angolo basso alla sinistra del portiere, e poi a Pace, che raccoglie il cross da calcio d’angolo e trova la provvidenziale risposta del portierone locale, colpendo la traversa sul prosieguo dell’azione. Alla bravura di Fagone si aggiunge la sfortuna dei nisseni, con Tomaselli, che con una pregevole giocata, si libera per la conclusione mancina dai 20 metri e trova l’incrocio dei pali. Le iniziative più pericolose per i locali passano dai piedi di capitan Patti, e in una di queste il 10 serve Scavuzzo, che dal limite calcia alto. A inizio ripresa arriva il vantaggio del Nissa, con Attinasi, fin lì impeccabile che perde palla in uscita, e permette a Camara di freddare Fagone. Il Gangi reagisce e va vicino al pari da azione di calcio di punizione. Scavuzzo col mancino trova la barriera, e Patti, sulla ribattuta, calcia forte e preciso verso l’angolo, ma la sua conclusione viene stoppata fortuitamente dal compagno Tarantino. Successivamente i padroni di casa, per ben tre volte reclamano il penalty, con Martino e due volte con Tarantino, e almeno nell’ultimo di essi, il fallo da rigore appare netto. Serve ancora super Fagone su Serrao a tenere in vita i locali, col giocatore ospite che colpisce male il pallone, dandogli un effetto che rende il tiro apparentemente imprendibile, e costringendo il numero uno gangitano all’ennesimo miracolo. All’89’, in uno degli ultimi assalti, il Gangi trova il pari, e come i dei del calcio vogliono, la prima firma sul nuovo manto non può che essere dell’eterno capitano Patti, che dalla distanza lascia partire un tiro cross che trova la fortunoso deviazione di Pace e scavalca l’incolpevole Maritato. Un pareggio che lascia tutto aperto in vista del match di ritorno, nel quale il Gangi conta di recuperare alcuni dei suoi infortunati per agguantare il passaggio del turno.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it