Niente controlli anticovid all’ingresso dell’Ospedale, chiamati i Carabinieri

Michele Ferraro

Senza categoria - Le vostre segnalazioni

Niente controlli anticovid all’ingresso dell’Ospedale, chiamati i Carabinieri
La segnalazione di una nostra lettrice e la risposta dell'ASP di Palermo

Niente controlli anticovid all’ingresso dell’Ospedale, chiamati i Carabinieri

10 Ottobre 2020 - 19:27

Un sabato senza controlli anti Covid-19 all’Ospedale di Petralia Sottana. E’ quanto denunciato da una nostra lettrice che ha potuto verificare di persona, sia durante la mattina che nel pomeriggio la totale assenta delle previste attività di pre triage all’ingresso dell’Ospedale Madonna dell’Alto.

La nostra lettrice si era recata già ieri all’Ospedale di Petralia Sottana per un’attività programmata. All’ingresso, come da protocollo, le è stato fatto il pre-triage, con il controllo della temperatura e la registrazione di nome cognome e numero di telefono per l’eventuale attività di contact tracing. “Dopo di che mi sono recata al reparto – continua la nostra lettrice – dove però il medico, per impegni sopravvenuti, non era presente. Quindi sono rientrata a casa e questa mattina sono tornata per fare la visita. Mi sono accorta subito che qualcosa non andava, considerato che all’ingresso dell’Ospedale, a differenza di ieri, non c’era nessuno a controllare gli ingressi e prendere la temperatura. Ed in effetti così è stato. Sono entrata senza nessun controllo e come me altre persone.

La situazione è andata avanti così fino alle 12, quindi ho deciso di chiamare i Carabinieri per segnalare l’accaduto. Preoccupata per la situazione mi sono sentita in dovere di avvisare anche il sindaco, dopo di che, nel pomeriggio sono tornata in Ospedale per vedere se qualcosa fosse cambiato, ma nulla. Poco fa il sindaco mi ha richiamato dicendomi che aveva sentito per telefono il direttore sanitario dell’Ospedale che gli ha confermato tutto dicendo che la situazione si sarebbe verificata per per carenza di personale. Mi domando se tutto questo è normale e vi chiedo di fare un articolo per far conoscere quello che è successo

Conferma il sindaco Leonardo Neglia: “Appena ricevuta la segnalazione ho immediatamente chiamato il direttore sanitario dell’Ospedale di Petralia per verificare la situazione e chiedere un immediato intervento per regolarizzare la situazione”

 

LA REPLICA DELL’ASP DI PALERMO

Si ringrazia l’utente per la segnalazione, segno evidente di un reale attenzione, doverosa soprattutto in questo momento emergenziale. L’organizzazione interna del Presidio prevede nelle giornate di sabato, cioè nei giorni in cui sono chiuse le attività distrettuali, l’ingresso da una sola porta d’accesso ed i controlli anticovid direttamente al piano, prima di recarsi al reparti. Si precisa che per evitare l’ingresso attraverso l’unica porta del presidio ai visitatori che non rispettano le disposizioni di diniego delle visite nei reparti, la direzione si è vista costretta ad utilizzare, esclusivamente, l’ingresso dal pronto soccorso. Talvolta l’organizzazione prevista è posta in criticità da improvvise assenze, anche giustificate, dei lavoratori che, se non comunicate in congruo anticipo, non consentono le sostituzioni. E questo anche in presenza di risorse sufficienti per le attività che si svolgono. La direzione di Presidio assicura, comunque, la verifica della corretta applicazione dei protocolli e l’eventuale, immediato, intervento qualora si riscontrassero criticità. Ciò nell’interesse precipuo, sia dell’intera organizzazione ospedaliera, sia degli utenti e dei pazienti.

Altre notizie su madoniepress

Autorizzazione del Tribunale di Termini Imerese N. 239/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana

Condirettore Responsabile Michele Ferraro

redazione@madoniepress.it